Sbanchiamoli, fuori i partiti dalle banche: raccolta firme dei Radicali

'Sbanchiamoli, fuori i partiti dalla banche'. E' questo il nome dell'iniziativa, promossa dai Radicali e sostenuta da Fare per Fermare il Declino. "La politica controlla le banche tramite le Fondazioni bancarie". Banchetti in via Mazzini da sabato 12 aprile

'Sbanchiamoli, fuori i partiti dalla banche'. E' questo il nome dell'iniziativa, promossa dai Radicali e sostenuta da Fare per Fermare il Declino, presentato oggi pomeriggio a Parma. "La politica controlla le banche tramite le Fondazioni bancarie, i cui componenti sono nominati dagli Enti locali e dalla Chiesa. Le Fondazioni, il cui ruolo sarebbe quello di erogare contributi a favore del sociale, in realtà controllano gli istituti di credito, incidendo poi sulle scelte, anche per l'erogazione del credito. La campagna nazionale è stata avviata dal tesoriere dei Radicali Valerio Federico e da Alessandro Massari, membro della dirigenza nazionale. Le banche hanno chiuso i rubinetti anche agli Enti virtuosi: questo meccanismo deve essere capovolto. Il credito deve essere dato a chi se lo merita".

Gian Marco Ferri di Fare per Fermare il Declino ha sottolineato: "Sosteniamo volentiere questa campagna, anche perchè siamo stati tra i primi ad affrontare il tema dell'influenza della politica sulle banche. La politica dovrebbe disinteressarsi degli istituti di credito: le Fondazioni devono essere private". I Radicali e Fare per Fermare il Declino saranno in via Mazzini con i banchetti per la raccolta firme da sabato 12 aprile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA CAMPAGNA. Radicali Italiani promuove una campagna nazionale con l’obiettivo di separare i Partiti dalle Banche chiedendo l’uscita delle Fondazioni di origine bancarie dal capitale azionario degli Istituti di credito italiani. Gli Enti locali e le Regioni, quindi i Partiti, nominano una gran parte dei componenti degli organismi decisionali delle Fondazioni bancarie che, a loro volta, controllano molti Istituti di credito italiani scegliendo diversi membri dei consigli di amministrazione, amministratori delegati e presidenti. Solo in Italia Fondazioni, che hanno come fine quello di aiutare le comunità locali, hanno anche la proprietà di Banche, potendo dunque influenzare la destinazione del credito e l’economia reale. I dati degli ultimi anni relativi alla netta diminuzione delle erogazioni delle Fondazioni a favore delle comunità locali e nel contempo gli ostacoli posti da alcune Fondazioni ai necessari aumenti di capitale delle Banche dimostrano con evidenza il fallimento del sistema Partiti-Enti locali- Fondazioni-Banche-Credito-Impresa. Le Fondazioni persistono nel non diversificare i propri investimenti come la legge prevede e sole, o insieme ad altre, hanno tuttora il controllo di molte tra le principali Banche del Paese. La separazione a nostro avviso – ma anche di Bankitalia, del FMI, della Commissione Europea e di numerosi autorevoli economisti – sarebbe utile sia per una più consistente capitalizzazione delle Banche con relativi benefici per il sistema creditizio, che alle Fondazioni bancarie stesse che potrebbero finanziare più e meglio i territori di riferimento. La campagna prevede la raccolta di sottoscrizioni a una Petizione parlamentare contenente una  proposta di legge.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tavolini ammassati e clienti senza mascherina: chiuso un locale di via Farini

  • Sequestrati 70 chili di alimenti scaduti in un ristorante di Parma

  • Coronavirus, a Parma altro balzo: 14 nuovi casi

  • Controlli anti Covid durante la movida: multe ad una cena 'privata' a Chiozzola

  • Krause e il mercato: "A breve annunci: ringrazio i soci, ora decido io"

  • I rinforzi di Liverani, le trattative, la linea Krause: sullo sfondo il derby

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento