Scaglia la bici contro i carabinieri, poi li prende a calci e pugni: 24enne bloccato ed ammanettato

L'episodio è avvenuto sabato sera: il giovane non aveva droga ma è stato arrestato per resistenza a pubblico ufficiale

Ha scagliato la bicicletta contro l'auto dei carabinieri che si trovavano in zona per effettuare alcuni controlli, è scappato e, dopo essere stato raggiunto, ha iniziato a picchiare i militari con calci e pugni, colpendoli alle gambe, alle spalle ed al petto. L'episodio è avvenuto nella serata di sabato 24 agosto in via San Leonardo. Un 24enne di origine nigeriana è stato ammanettato con difficoltà ed arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. Non aveva droga con sè ma alla vista della pattuglia ha iniziato ad agitarsi e quando i militari hanno deciso di controllarlo ha reagito scagliando la sua bicicletta contro di loro ed è scappato a piedi in via San Leonardo in direzione via Rosselli. A quel punto i carabinieri lo hanno inseguito e raggiunto. Il 24enne però ha iniziato a tirare calci e pugni: dopo una colluttazione, durante la quale i due carabinieri ed il givoane sono caduti a terra, è stato ammanettato ed arrestato per resistenza a pubblico ufficiale. I due militari sono andati al Pronto Soccorso del Maggiore: hanno avuto dieci giorni di prognosi per un trauma contusivo alla mano e spalla destra e per un trauma contusivo alla spalla, alla mano e al ginocchio sinistro. 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • La psicosi della banda armata di spranghe: ma è solo una fake social

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Fontanellato, operaio investito da un muletto: 59enne gravissimo al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento