menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scec, la nuova moneta 'anticrisi' a Parma entro l'estate

L'assessore al Commercio Cristiano Casa annuncia l'introduzione dei buoni sconto da utilizzare nei negozi. "Ci vorrà tempo - chiarisce l'assessore - ma noi non ci diamo scadenze. Servirà un numero adeguato di adesioni da parte di commercianti e artigiani"

Uscire dalla crisi grazie agli Scec. La creazione di nuova moneta locale era stata annunciata dal Movimento cinque stelle subito dopo la vittoria elettorale di maggio. Notizia apparentemente smentita ma che adesso torna in auge grazie alle dichiarazioni di Cristiano Casa. L’assessore al Commercio infatti annuncia l’impegno a promuovere la diffusione dello scec sul territorio parmense per favorire la crescita del commercio e del potere d’acquisto dei cittadini. Il tutto entro l’estate prossima anche se "ci vorrà tempo - chiarisce l'assessore - ma noi non ci diamo scadenze. Servirà un numero adeguato di adesioni da parte di commercianti e artigiani, altrimenti il progetto non può decollare".

SCEC: COSA SONO E COME UTILIZZARLILo Scec funziona come un buono sconto da affiancare all’euro per abbassare il prezzo d'acquisto di alcune merci che circolano in una determinata area. In pratica, se un prodotto vale 10 euro, con lo Scec costa qualche euro in meno. Questo modello di moneta locale a cui si dovrebbe fare riferimento nasce a Napoli nel 2008 nel tentativo di alleggerire le economie locali in risposta al carovita e alla globalizzazione, indirizzando al contrario il potere di acquisto verso i beni a Km zero. Ad oggi lo scec è utilizzato in molte regioni dello stivale tra cui anche l’Emilia Romagna dove è attivo anche il rappresentante dall’associazione Arcipelago Scec, l’equivalente della “Banca d’Italia” ovvero il distributore ufficiale dei buoni. Le banconote di carta tuttora in circolazione con tanto di simboli, valori e sistema di falsificazione, potranno essere usati nei negozi aderenti al circuito di scambio. A Parma sono già presenti attività commerciali favorevoli all’arrivo della nuova moneta che però non potrà essere utilizzata in sostituzione dell’euro ma solo insieme alla moneta ufficiale, come percentuale sulla spesa totale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento