menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto: Pcl, sezione Frida Khalo

foto: Pcl, sezione Frida Khalo

Acciaieria Schmolz, sciopero dei lavoratori contro il trasferimento a Bergamo

La proprietà è intenzionata a chiudere lo stabilimento di Parma e trasferire lavoratori e commesse a Medolago, in provincia di Bergamo. Ma i lavoratori non ci stanno: "Gli indennizzi casa-lavoro sono assolutamente incongrui"

Sciopero all'accieria Schmolz+Bickenbach di via Paradigna, 111. Ieri mattina i lavoratori hanno incrociato le braccia per protestare contro il piano aziendale che prevede la chiusura di uno dei tre stabilimenti produttivi dell'azienda sul territorio nazionale. Davanti ai cancelli dell'azienda hanno tenuto un presidio di protesta. Lo stabilimento sarebbe proprio quello di Parma: per la proprietà le commesse e i dipendenti verrebbero trasferiti allo stabilimento di Medolago, in provincia di Bergamo.

Ma i lavoratori e la Fiom, che segue la vertenza, avanzano dubbi rispetto ad una situazione che apparirebbe come lineare. "Gli indennizzi casa-lavoro sono assolutamente incongrui, anche alla luce del fatto che le retribuzioni rimarrebbero invariate". I lavoratori quindi dovrebbero spostarsi ed andare a lavorare a Bergamo tutte le mattine, oppure trasferirsi in loco. I lavoratori avanzano dubbi anche sul futuro dello stabilimento bergamasco: 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Attualità

Vaccino dai 60 ai 64 anni: a Parma 7.400 prenotazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 134 contagi e 2 morti

  • Cronaca

    Omicidio di via Volturno: Patrick Mallardo non risponde al Gip

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento