menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sciopero della vigilianza privata: presidio in Prefettura

Cgil, Cisl e Uil di categoria hanno indetto lo stato di agitazione per i lavoratori della vigilanza privata a causa del mancato rinnovo del contratto nazionale di lavoro, scaduto da 20 mesi

Filcams Cgil, Fisascat Cisl, e Uiltucs Uil hanno indetto per oggi uno sciopero generale della vigilanza privata per il rinnovo del Contratto nazionale di lavoro scaduto da 20 mesi.

Da oltre un anno è iniziata la trattativa tra organizzazioni sindacali senza arrivare ad alcuna concreta proposta che potesse far arrivare ad una soluzione condivisa. Diverse le difficoltà lamentate dalle associazioni datoriali: un forte stato di sofferenza finanziaria, l'insostenibilità del costo del lavoro e la disattenzione verso il settore da parte delle istituzioni. La condizione di stallo del negoziato dimostra, però, secondo i sindacati unitari, la poca disponibilità della controparte a proseguire un confronto negoziale finalizzato al raggiungimento di un'intesa. Il settore si sta comprimendo, lasciando sempre più spazio a quella che viene chiamata "zona grigia", cioè quelle imprese che svolgono attività di portierato fuori da qualunque regola, ma in realtà svolgono attività riferibili al settore della sicurezza ad un costo inferiore rispetto a quello della Vigilanza privata.

Per i sindacati di categoria sono peraltro inaccettabili la rinuncia degli istituti alla applicazione di norme ben precise e tutelanti nel cambio appalto e la rinuncia a determinare un orario di lavoro che tuteli i lavoratori in termini di sicurezza.

Lo sciopero riguarderà l'intero turno di lavoro con orario prevalente dalle 24.00 del 7 ottobre, alle 24.00 dell'8 ottobre (es. un lavoratore che inizia il turno alle 22.00, potrà scioperare da quell'ora del 7 ottobre e rientrare al lavoro alle 22.00 del giorno 8) ai sensi della legge 146/90 e regolamentazione conseguente.

Alle ore 10.30 si svolgerà un presidio di lavoratori e sindacati davanti alla sede della Prefettura di Parma.

Si è svolto ieri invece lo sciopero di 4 ore dei lavoratori metalmeccanici con il presidio dinanzi l'Unione Parmense degli Industriali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento