Fiom, giovedì 6 dicembre sciopero generale in Emilia-Romagna

Giovedì 6 dicembre sarà sciopero generale dei metalmeccanici di 8 ore, indetto dalla Fiom, in tutte le città dell'Emilia-Romagna. Si svolgerà un corteo regionale a Bologna

Giovedì 6 dicembre sarà sciopero generale dei metalmeccanici di 8 ore, indetto dalla Fiom, in tutte le città dell'Emilia-Romagna. Si svolgerà un corteo regionale a Bologna. I metalmeccanici tornano in piazza per protestare contro le politiche del Governo in tema di lavoro. Il corteo di Bologna vedrà la partecipazione di Bruno Papignani, segretario generale della Fiom Emilia-Romagna.

PULLMAN DA PARMA. Anche da Parma, dunque, dove anche in questi ultimi giorni si stanno svolgendo le assemblee nelle fabbriche, partiranno alle ore 7.00 del 6 dicembre, dal piazzale antistante la Camera del Lavoro in via Casati Confalonieri, 5/a, i pulmann per partecipare alla manifestazione regionale a Bologna, dove è previsto, alle ore 9.00, il concentramento dei lavoratori in piazza di Porta Saragozza e, alle ore 12.30, in piazza Ravegnana, il comizio di Bruno Papignani, segretario generale regionale FIOM CGIL Emilia-Romagna.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LE MOTIVAZIONI DELLO SCIOPERO. Si tratta, per la FIOM, di uno sciopero innanzitutto contro l’arroganza di Federmeccanica e Confindustria che in spregio alle regole contrattuali esistenti (accordo del 28 giugno 2011) stanno proseguendo una trattativa separata con FIM e UILM, sindacati minoritari, fondata sull’esclusione della FIOM CGIL, sindacato maggiormente rappresentativo nel settore e nei luoghi di lavoro. Questa mobilitazione chiede innanzi tutto un contratto nazionale vero, senza deroghe e senza trucchi, contro le richieste della Federmeccanica, che aspira a non pagare più i primi tre giorni di malattia, ad aumentare l’orario di lavoro (attraverso l’obbligatorietà di straordinari e flessibilità) e non riconoscere più gli scatti di anzianità e gli automatismi contrattuali.

Mentre continuano chiusure e licenziamenti, le imprese metalmeccaniche vogliono utilizzare la crisi per cancellare i diritti e l’esistenza stessa del Contratto Nazionale attraverso una trattativa illegittima e clandestina. La FIOM non ha intenzione di accettare un accordo separato che peggiora le condizioni
salariali, di vita e di lavoro delle lavoratrici e dei lavoratori. Quella del 6 dicembre prossimo sarà anche la prima risposta di massa del mondo del lavoro all’accordo separato sulla produttività (firmato da CISL e UIL), un testo che cancella il valore del contratto nazionale, prevede deroghe a leggi e contratti, disarticola la gestione contrattuale degli orari di lavoro e permette, oltre all’istallazione di telecamere per riprendere l’attività lavorativa, il demansionamento di lavoratrici e lavoratori, contraddicendo addirittura l’articolo 2103 del codice civile.

Per queste ragioni appare chiaro che la lotta delle lavoratrici e dei lavoratori metalmeccanici non è solo quella di una categoria impegnata in una complicata vertenza contrattuale, ma assume le caratteristiche, di fronte ad un Governo e ad un sistema delle imprese che stanno cancellando quarant’anni di lotte e di conquiste dei lavoratori, di una lotta per la democrazia e la libertà nei luoghi di lavoro e nella società.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento