menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pubblici esercizi, il 31 ottobre è sciopero nazionale

"Il prossimo giovedì 31 ottobre - si legge nella nota inviata dalla Cgil di Parma -, per l'intero turno di lavoro, le lavoratrici e i lavoratori dei pubblici esercizi sciopereranno per difendere il loro diritto ad un contratto di lavoro dignitoso"

"Il prossimo giovedì 31 ottobre - si legge nella nota inviata dalla Cgil di Parma -, per l'intero turno di lavoro, le lavoratrici e i lavoratori dei pubblici esercizi (bar, ristoranti, mense, ristorazione autostradale, commerciale, in appalto e concessione) sciopereranno per difendere il loro diritto ad un contratto di lavoro dignitoso.

La Federazione dei Pubblici Esercizi (Fipe Confcommercio) ha portato al tavolo di trattativa richieste inaccettabili che le organizzazioni sindacali hanno subito respinto al mittente. Angem, associazione che fa parte di Fipe e che rappresenta importanti aziende della ristorazione collettiva (come Copra e Autogrill), ha disdettato il contratto nazionale del Turismo e non ha più mostrato interesse a riprendere un confronto per cercare soluzioni condivise.

Abolizione della quattordicesima, peggioramento dei trattamenti di malattia, indebolimento delle norme che tutelano i lavoratori nei cambi di appalto, smantellamento degli scatti di anzianità, nessun aumento salariale fino al 2015: questa la "ricetta" di Fipe per rispondere alla crisi economica!

Il settore è caratterizzato da retribuzioni basse e forte precarietà, molti part-time con orari ridotti e nessuna tutela di ammortizzatori sociali: questa vertenza e le inaccettabili forzature delle parti datoriali mettono ora a rischio i posti di lavoro e il rispetto delle norme che da sempre regolano il settore degli appalti. La necessità di adeguamento delle retribuzioni è quanto mai urgente. La protesta dei lavoratori vuole contrastare questa deriva che rischia di bloccare tutto il rinnovo del CCNL Turismo lasciando più di un milione di addetti senza certezze.

Per queste ragioni FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS UIL, contestualmente alla giornata di sciopero, hanno indetto due manifestazioni nazionali per il 31 ottobre 2013, a Milano e a Roma, per portare la protesta di lavoratori e sindacati direttamente davanti alle sedi di Confcommercio."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Attualità

Prosegue la campagna vaccinale: a Parma quasi 174 mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento