Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Edilizia, sciopero a rovescio: i disoccupati ristrutturano uno spazio pubblico

Nel 1956 Danilo Dolci venne arrestato mentre ristrutturava una strada con i disoccupati. Domani, 31 maggio 2013, i lavoratori dell'edilizia senza lavoro occuperanno uno spazio per esercitare il diritto al lavoro


Danilo Dolci nel 1956 a Partinico venne arrestato insieme ai disoccupati che erano con lui mentre stavano ristrutturando una strada dissestata come forma di protesta. Uno sciopero alla rovescio. Oggi, maggio 2013 i lavoratori che hanno perso l'occupazione nel settore edile sono più di 30 mila solo in Emilia-Romagna. Domani i lavoratori delle costruzioni, insieme ai sindaci Fillea, FIlca e Feneal daranno vita a uno sciopero alla rovescio. Tanti i lavoratori di Parma che parteciperanno all'iniziativa, insieme ai segretari provinciali delle tre sigle sindacali. I disoccupati occuperanno uno spazio pubblico a Bologna e eserciteranno il proprio diritto al lavoro. I lavoratori sistemeranno le scalinate della Casa delle Associazioni a Casteldebole.

"Il paradosso -dicono i sindacati-è rappresentato dal fatto che tanto ci sarebbe da fare nell'edilizia privata, ma anche e soprattutto nel pubblico. Bisognerebbe adeguare alla normativa antisismica gli edifici pubblici, a partire dalle scuole, bisognerebbe manutenere il patrimonio ed efficientarlo sotto il profilo energetico, andrebbero fatte serie ed importanti opere di conservazione del territorio. Insomma il paradosso è che il lavoro ci sarebbe, anche per fare interventi urgenti, ma non è possibile metterlo in cantiere a causa del patto di stabilità che blocca in maniera cieca e stupida la possibilità di intervento degli Enti Locali".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Edilizia, sciopero a rovescio: i disoccupati ristrutturano uno spazio pubblico

ParmaToday è in caricamento