Scoperta sulle proprietà che furono di giuseppe verdi, conferenza a busseto

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Da anni si afferma che Verdi era un ricco possidente terriero le cui proprietà “erano racchiuse dall’Ongina e dall’Arda e che dal Po si estendevano sino alla città di Fiorenzuola", ma tramite lo spoglio degli atti di compravendita e delle mappe catastali, una recente ricerca verdiana dell'architetto Luca Casaroli ha oltrepassato il mito definendo i reali confini delle proprietà del Maestro. Il minuzioso lavoro verrà presentato Domenica 11 ottobre alle ore 11 nella “Casa del giovane Verdi” in Busseto, dove si stanno svolgendo una serie di appuntamenti collaterali al Festival Verdi. Nella dimora in cui il Cigno di Busseto visse dai 10 ai 18 anni Luca Casaroli illustrerà gli inediti risultati della sua ricerca: “Nelle terre di Verdi: in carrozza con il Maestro”, svolta nell’ambito del Politecnico di Milano (Scuola di Architettura e società). Una ricerca fondamentale per un progetto di valorizzazione territoriale patrocinato dall’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia Romagna e adottato dall’Associazione piacentina “Le Terre Traverse”. Attività che ha permesso, inoltre, di definire il criterio di acquisizione adottato da Verdi. Incontro che offre quindi nuove conoscenze ed emozioni che il fascino della Casa frequentata dal piccolo Verdi durante gli studi ginnasiali bussetani amplificherà. L'appuntamento alla Casa del giovane Verdi si svolge grazie alla bussetana Anna Sichel  grande amica della cultura e proprietaria dello storico sito che mette a disposizione  tale luogo gratuitamente  senza alcun fine lucrativo. Il musicologo Dino Rizzo delegato alla Cultura del Comune di Busseto  e la ricercatrice  Meri Rizzi autrice del libro il giovane Giuseppe Verdi , coordinano  le attività culturali collaterali al festival di Verdi  e patrocinate  dal Comune di Busseto.
rapporti con la stampa 338 8103820

Torna su
ParmaToday è in caricamento