Scritte contro Marco Biagi in Università: assolti il parmigiano e la modenese imputati

L'avvocato Ettore Grenci ha spiegato che non sono emerse prove che dimostrassero con certezza la colpevolezza dei suoi assistiti

Sono stati assolti con formula dubitativa il ragazzo di Parma e la ragazza modenese accusati di essere gli autori delle scritte contro Marco Biagi - il giuslavorista ucciso dalle Brigate rosse il 19 marzo 2002 - comparse a Modena, sul muro esterno del dipartimento di Economia dell'universita' di Modena e Reggio Emilia, il 19 marzo del 2018. Al termine del processo con rito abbreviato il gip di Bologna, Domenico Truppa, ha quindi respinto la richiesta dei pm bolognesi Antonello Gustapane e Antonella Scandellari, che avevano chiesto per il giovane (all'epoca dei fatti 28enne e ritenuto l'autore materiale delle scritte) la condanna a un anno e otto mesi, e per la ragazza (all'epoca 26enne) una pena di un anno. I due erano accusati di apologia di terrorismo e porto abusivo d'armi in concorso, in quanto sui muri dell'Ateneo erano state scritte con vernice spray le frasi "1000 Biagi", "Marco Biagi non pedala piu'", "Onore a Mario Galesi" e "Onore ai compagni combattenti", e nel processo si erano costituite parte civile la Fondazione Biagi e l'Universita'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In sostanza, spiega all'uscita dal Tribunale l'avvocato Ettore Grenci, che ha difeso i due ragazzi assieme alla collega Daniela Goldoni, nel corso del procedimento non sono emerse prove che dimostrassero con certezza la colpevolezza dei suoi assistiti. Anzi, precisa, la consulenza grafologica commissionata dalla difesa, e quella successiva richiesta dalla Procura, hanno "concluso per un'incompatibilita' tra il segno grafico delle scritte e la mano del ragazzo". Inoltre, dettaglia il legale, le indagini non hanno potuto stabilire con certezza che l'auto ripresa dalle telecamere presenti in zona fosse "quella in uso al ragazzo" e presumibilmente utilizzata dai due per recarsi nel luogo dove sono poi state fatte le scritte. Per capire esattamente cosa abbia portato all'assoluzione dei due imputati bisognera' comunque attendere le motivazioni della sentenza, che dovrebbero essere depositate nel giro di 90 giorni. (Agenzia Dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento