menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuola per l'Europa, i genitori a Pizzarotti: "Europa? Esiste già un pezzo ma è incompiuto"

Il sindaco alla premiazione Sant'Ilario di ieri annuncia interesse verso l'Europa "vincenti i territori capaci di portare le loro eccellenze in Europa". L'Associazione Genitori Scuola per l'Europa in un comunicato ricorda che in città esiste già un "pezzo d'Europa": la nuova sede della Scuola per l'Europa, mai inaugurata e in stato di degrado.

Le parole di Pizzarotti nel discorso di ieri nella cerimonia di premiazione per Sant' Ilario riguardo all'attenzione verso l'Europa sono state accolte con apprezzamento dall'Associazione dei Genitori della Scuola per L'Europa, essi vogliono però sottolineare l'impegno a finire la progettazione della nuova sede mai inaugurata.

I genitori e il personale aspettano l'apertura della nuova sede della Scuola per l'Europa dal 2012. Nel 2013 il sindaco Pizzarotti aveva ripreso in mano la progettazione ma, ad oggi, la scuola non è stata ancora aperta.

Meno di un mese fa alle telecamere di Striscia la Notizia, inviata nel cantiere per denunciare la situazione dell'opera incompiuta, l'assessore al bilancio Ferretti aveva lanciato la sfida di aprirla per l'anno scolastico 2015/2016. Il progetto è costato al Comune più di 29 milioni di euro.

La lettera indirizzata al sindaco dell' Associazione Genitori Scuola per l'Europa 

"Gentilissimo signor Sindaco, in occasione della odierna premiazione del Sant'Ilario alla città di Parma, abbiamo apprezzato molto le sue parole di grande apertura ed interesse verso l'Europa sia nella frase “dalla competizione in atto usciranno vincenti i territori capaci di fare squadra, di portare le loro eccellenze in Europa, di valorizzare i loro giacimenti culturali”, che nella parte del suo intervento riguardante l'aeroporto come porta verso l'Europa.

Ci permettiamo di ricordarle che a Parma esiste già un pezzo di Europa: la Scuola per l'Europa. Ogni giorno la scuola con serietà e professionalità si pone un obiettivo che si può pubblicamente leggere sul sito della scuola: “Pur conservando l’amore e la fierezza della loro patria, diventeranno, spiritualmente, europei, pronti a compiere e a consolidare l’opera intrapresa dai loro padri per l’avvento di un’Europa unita e prospera.”

Come lei ben sa, ormai da una decina di anni la scuola è costretta a lavorare in spazi ristretti e totalmente inadeguati, in prestito presso altri plessi scolastici della città, ma un edificio è quasi pronto per essere inaugurato e diventare finalmente la nostra scuola. 

Speriamo che Parma voglia onorare l'impegno preso al momento dell'assegnazione di una authority europea: una sede scolastica. Speriamo che Parma voglia davvero essere un ponte verso l'Europa e investire per consolidare in città una vera cultura europea che partirà dalla nostra scuola e creerà un forte legame con la città di Parma. Chiudiamo questo nostro intervento, con la speranza di avere presto un risultato concreto, che porti noi e Parma davvero al centro dell'Europa, noi ce la metteremo tutta!"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento