menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Racagni: operai a lavoro per la demolizione. Scuola pronta entro luglio 2014

Demolizione e ricostruzione del nuovo edificio scolastico per l'anno 2014-2015 con un progetto innovativo da 8 milioni di euro. Paci: "Un luogo di aggregazione e istruzione che darà nuova linfa a tutto il quartiere già segnato da problematiche varie"

Operai a lavoro da oggi per l'inizio ufficiale dei lavori di demolizione e successiva ricostruzione della scuola Racagni che dovrebbero concludersi, secondo quanto indicato nel cartello informativo, entro il 20 luglio 2014. 8 milioni di euro il costo del progetto innovativo assegnato all'Ati Getech srl Marlengo Srl ViTre Studio. Il ribasso d'asta ha permesso di ottenere un risparmio di 1 milione di euro, rendendo possibile realizzare anche la palestra rimanendo entro 8 milioni di euro invece dei 9 ipotizzati inizialmente. L'intento è quello di realizzare i lavori entro l'estate 2014 per rendere fruibile l'edificio per l'anno scolastico 2014-2015 e accogliere di nuovo le 16 classi ora ospitate alla Cocconi e alla Corazza.

Tra le novità l'impatto energetico quasi pari a zero, come annunciato dall'assessore Alinovi nel corso della presentazione. Una struttura che risulterà innovativa anche per la nuova disposizione, abbandonando l'ottica di gruppi di aule e corridoio in favore di ampie zone aperte circolari e luminose nelle quali le classi si affacceranno. Il piano terra è dedicato interamente ad attività extrascolastiche, con uffici, laboratori, aule di interciclo, auditorium, palestra. 2.326 metri quadrati la superficie del piano terra che ospiterà aule di interciclo, l’auditorium, i servizi, la palestra, gli uffici di direzione scolastica. Nel primo piano (1.491 metri quadrati) ci saranno cinque aule didattiche, aule di interciclo, laboratori di lingue, informatica, scienze e musica, mensa e locali di servizio. Nel secondo piano, di 1.030 metri quadrati, ci saranno 10 aule didattiche e spazi di servizio. Un'attenzione particolare è data anche alla scelta dei materiali: per l'ampia vetrata ad esempio si riesce a ottenere la maggiore luce possibile trattenendo il calore durante l'inverno e schermando il calore nel periodo estivo. I materiali sono tutti biocompatibili, in modo da garantire un'energia termica maggiore e confort qualitativi, anche a livello acustico.

Un'occasione anche per valorizzare al meglio anche il quartiere Pablo secondo la vicesindaco Nicoletta Paci: "Alinovi e Paci presentano la nuova Racagni: "8 milioni per struttura innovativa a bassi consumi"
Ridare gli spazi ai bambini realizzando una struttura passiva che produrrà più energia di quella consumata è un passo importante non solo per gli alunni ma per tutta la città. Un nuovo centro di istruzione e aggregazione che darà nuova linfa a un quartiere segnato da problemariche varie, siamo felici di questi risultati".

Potrebbe interessarti: https://www.parmatoday.it/cronaca/racagni-8-milioni-euro-progetto-alinovi-paci.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/ParmaTod

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Cronaca

    Bonaccini: "Se i contagi aumentano, pronti a chiudere le scuole"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento