Scuole, 2 milioni per rimuovere l'amianto. L'asilo Trilly verrà ristrutturato

Il cemento amianto rimarrà solo alla "Toscanini" di via Cuneo dove scomparirà forse grazie a un accordo per l'arrivo di pannelli fotovoltaici. Verrà ristrutturato l'asilo Trilly: la scuola di Baganzola avrà la sua mensa

Due milioni di euro per rimuovere l'amianto dai tetti e sistemare gli istituti scolastici che hanno necessità di manutenzione. Il Comune di Parma ha programmato l'investimento per il periodo estivo, che è praticamente uguale a quanto previsto per la manutenzione delle strade. Il programma degli interventi – condivisi con i dirigenti scolastici interessati - è stato presentato in una conferenza stampa dall’assessore ai Lavori Pubblici Michele Alinovi e dal vicesindaco Nicoletta Paci, insieme al direttore di Parma Infrastrutture Albino Carpi e al tecnico Marco Ferrari.

“Questi interventi – ha affermato l’assessore Alinovi – si propongono tre obiettivi fondamentali: sicurezza, eliminazione dell’eternit ed efficienza energetica. Con i lavori programmati per questa estate – ha ricordato – il cemento amianto sarà quasi scomparso dalle scuole di Parma. Resterà solo alla “Toscanini” di via Cuneo, dove sarà eliminato quanto prima, forse anche tramite un accordo con la collocazione del fotovoltaico sul tetto”.

Fra i lavori di maggiore rilevanza figurano la ristrutturazione integrale dell’asilo “Trilly” in via Benedetta (500.000 euro), il rifacimento delle coperture della materna e nido “Zucchero Filato “ (311.000 euro), la bonifica dell’amianto con il rifacimento completo delle coperture del complesso “Scuola Vicini – Nido Scarabocchio” (397.000 euro) e lo stesso lavoro previsto per  il complesso “Elementare Anna Frank – Materna Neri”, che comporta una spesa di 155.000 euro.

Una risposta importante arriverà anche alla scuola di Baganzola, che avrà la nuova mensa, con una spesa di 88.000 euro. Lapidario il commento del vicesindaco Nicoletta Paci: “Sono felice che si dedichi questa particolare attenzione al mondo scolastico, e spero che anche le famiglie apprezzeranno l’impegno profuso”. Gli investimenti sono suddivisi in  942.000 euro per le scuole primarie e secondarie, e 1.074.000 euro per nidi e scuole dell’infanzia, dei quali 465.000 provenienti da fondi della Regione Emilia Romagna, destinati all’edilizia per gli asili nido.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione: ecco quando ci si può spostare da un comune all'altro per fare spesa

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Verso il nuovo Dpcm: ecco cosa riaprirà e cosa no

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Nuove chiusure e una 'finestra' per i regali: ecco come sarà il Natale parmigiano

  • Covid, netto calo dei positivi. Stabili le intensive, quattro i decessi

Torna su
ParmaToday è in caricamento