Segugio di 4 anni ucciso dai bocconi avvelenati a Varsi

Il cane è stato male dopo lo sgambamento in una zona di addestramento vicino a Bardi

Rolex, un segugio di 4 anni di proprietà del signor Angelo Peracchi è stato ucciso da un boccone avvelenato. Il dramma è avvenuto nella giornata di lunedì all'interno della zona di addestramento vicino a Bardi. Il proprietario aveva portato il segugio in zona per lo sgambamento. Dopo la passeggiata Peracchi è tornato verso la sua abitazione con Rolex e gli altri tre cani. Una volta arrivati a casa Rolex ha iniziato a star male, aveva dolori in varie parti del corpo. La corsa dal veterinario non è servita: il cane infatti aveva ingerito un'esca avvelenata ed è deceduto. Sul posto sono arrivati i carabinieri Forestali che stanno portando avanti le indagini per cercare di identificare gli autori del grave gesto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Betoniera si ribalta in tangenziale: muore il conducente 31enne

  • Coronavirus: riapre il reparto Covid al padiglione Barbieri

  • Coronavirus, a Parma aumentano i casi: nove con un asintomatico

  • Incendio a San Prospero, vigili del fuoco a lavoro

  • Nuovo Dpcm: mascherine e distanziamento sociale fino al 7 settembre

  • "L'aeroporto Cargo a Parma? Un disastro ambientale annunciato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento