menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"In piazza per amore" l'iniziativa contro l'omofobia, al Teatro Regio le sentinelle in piedi contro "la distruzione della famiglia"

Si è tenuto stamattina davanti al Teatro Regio l'evento organizzato dalle sentinelle in piedi contro "la distruzione della famiglia". Contemporaneamente in piazzale della pace si è svolta la colorata iniziativa di associazioni lgbt, comitati e partiti "in piazza per la libertà di essere se stessi e di esprimersi. "

Si è tenuto stamattina davanti al Teatro Regio l'evento organizzato dalle Sentinelle in piedi contro "la distruzione della famiglia". Contemporaneamente in Piazzale della pace si è svolta la colorata iniziativa di associazioni lgbt, comitati e partiti "in piazza per la libertà di essere se stessi e di esprimersi".

Le Sentinelle in piedi hanno manifestato contro le unioni fra persone dello stesso sesso, contro l'adozione dei bambini a famiglie omosessuali, cil ddl Cirinnà ora in parlamento che dovrebbe legalizzare la pratica dell'utero "in affitto" a chi non può avere figli, il ddl Fedeli depositato in Senato "per l'insegnamento dell'educazione di genere" quindi l'insegnamento della libertà di manifestare ai bambini il loro modo di essere femminile o maschile e per finire il sempre contestato ddl Scalfarotto sull'omofobia già approvato alla Camera che inasprisce le pene a chi compie reati spinto da discriminazione sessuale.

Nel vicino Piazzale della Pace l'evento "In piazza per amore", una pacifica e colorata iniziativa appoggiata da: L'Ottavo Colore, Agedo, Certi diritti, Tutti Mondi, Uisp, Fgci, Pcdi e Chiesa Pastafariana Italiana, con la collaborazione di Pasionaria.it, W4W, Centro Studi Movimenti, Associazione Parliamone, RadioRevolution, PCL (Partito Comunista dei Lavoratori), PRC (Partito della Rifondazione Comunista) GC (Giovani Comunisti), SEL, Comitato utenti Biblioteche di Parma, Quisipuò, Azione Civile Parma.

L'intento del presidio è stato quello di portare in piazza la "libertà di essere se stessi e di esprimersi" senza paura e giudizio da parte della società e "l'amore per la verità e per giusta informazione".

Nell'evento promosso su facebook le seguenti dichiarazioni a favore dell'evento: "Siamo contro ogni tipo di violenza. Noi siamo certi che qualunque persona veramente libera oggi non possa che scendere in piazza con noi a festeggiare tutte le forme di amore, tutte le forme di famiglia. Perché si parla di famiglie e non solo di un'unica forma di famiglia".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento