menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sorpreso con mezzo chilo di cocaina: arrestato un operaio di 30 anni

I carabinieri di Fidenza hanno fermato l'uomo alle porte di Parma. Con il quantitativo di droga potevano essere confezionate più di mille dosi, per un valore di 50mila euro. La roba era per il mercato fidentino

I carabinieri di Fidenza hanno arrestato un cittadino sudamericano, residente da anni a Parma,  in possesso di quasi 500 grammi di cocaina ad alto grado di purezza. Lo straniero C.Z.J.G., un operaio 30enne, già noto per i suoi trascorsi penali relativi allo spaccio della polvere bianca, veniva pizzicato alle porte di Parma con 100 grammi di cocaina occultati nelle parti intime. L’uomo per eludere eventuali controlli si trovava in compagnia della convivente, anche lei sudamericana e del figlio di tre anni. La successiva perquisizione nella sua abitazione portava al rinvenimento di ulteriori 400 grammi di cocaina, una bilancia di precisione, denaro contante per 1.500 euro e materiale per in confezionamento delle dosi da vendere al dettaglio.
Nell’operazione venivano identificati anche i destinatari dello stupefacente trovato addosso al sudamericano  e pare che la droga fosse destinata al mercato di Fidenza, Salsomaggiore Terme, Busseto e Soragna.  Con la droga sequestrata potevano essere confezionate più di mille dosi da immettere sul mercato e il suo valore al dettaglio sarebbe divenuto intorno ai 50mila euro. Gli uomini del capitano Di Scanno, dopo il brillante arresto con sequestro di hashish "hamdara"  effettuato a inizio mese a Milano, hanno bloccato un altro canale di rifornimento di stupefacente che interessava la nostra provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riesplodono i contagi: 164 nuovi casi e 2 morti

  • Cronaca

    Pizzarotti: "Contagi a rimbalzo: dobbiamo tenere duro così"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento