Otto Marzo, la Municipale sequestra le mimose 'abusive': multe da 20 mila euro

Nel pomeriggio di ieri appartenenti al nucleo commercio della Polizia Municipale hanno effettuato quattro sequestri, e relative confische, di materiale floreale "mimose" e sanzionato i rispettivi venditori abusivi

"Nel pomeriggio di ieri -si legge in una nota della Polizia Municipale- appartenenti al nucleo commercio della Polizia Municipale hanno effettuato quattro sequestri, e relative confische, di materiale floreale “mimose” e sanzionato i rispettivi venditori abusivi per un importo di € 20.656,00. Un quinto venditore abusivo, all’arrivo della pattuglia, si è dato alla fuga abbandonando il materiale che è stato recuperato dagli agenti e catalogato come “merce rinvenuta” ; il tutto e stato depositato, come l’altro materiale sequestrato, presso il Comando di Polizia Municipale. Gli interventi sono stati effettuati in via Emilia Ovest, via Traversetolo, via Emilio Lepido e via Burla. I controlli si protrarranno, chiaramente, anche nella giornata di oggi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Si tuffa in mare a Forte dei Marmi: 18enne parmigiano disperso in acqua

Torna su
ParmaToday è in caricamento