menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sequestro Bonatti: indagati i vertici della società

La Procura di Roma accusa la società di cooperazione colposa in omicidio doloso: non avrebbe messo in atto alcune misure cautelative che avrebbero evitato il sequestro e la morte dei due tecnici Piano e Failla per mano di gruppi libici paramilitari

Il sequestro dei quattro tecnici della Bonatti e la successiva morte di Fausto Piano e Salvatore Failla poteva essere evitata. E' quello che dice la Procura romana per voce del Pm Sergio Colaiocco, la società ha "sottovalutato" la pericolosità della situazione libica e quindi non ha messo in pratica una serie di misure cautelative atte alla tutela dei suoi dipendenti inviati nel paese. Questi fatti hanno portato la Procura ad aprire un fascicolo contro la Bonatti che oggi vede indagati quattro componenti del cda della Bonatti (anche il presidente Paolo Ghirelli) e la loro dirigente in Libia Dennis Morson, il reato contestato è di "cooperazione colposa nel delitto doloso".

Ma le vedove dei due tecnici morti durante le operazioni di trasferimento non si danno pace: "Oggi provo una rabbia indescrivibile. Per otto mesi non ho perso la speranza di riabbracciarlo -dice Rosalba Failla- e invece lo Stato non ha fatto nulla per riportarlo a casa sano e salvo. Oggi sta emergendo una parte della verità, l'inizio della verità, ma questa parte non mi basta. Chi ha sbagliato deve pagare per la morte di mio marito".

Infatti il Pm ha contestato all'azienda anche un illecito amministrativo sulla responsabilità degli Enti in quanto la stessa Bonatti era già a conoscenza della situazione di grave minaccia in cui verteva la Libia dal 2015. 

La Farnesina aveva appunto allertato le aziende impiegate nel paese di andarsene oppure  di aumentare le misure di sicurezza per le aziende intenzionate a rimanere in territorio libico. 

Purtroppo l'inottemperanza di questi punti - contesta la Procura - ha provocato il sequestro il 19 luglio 2015 dei 4 tecnici e poi successiva morte, il 2 marzo 2016, di Failla e Piano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento