Cronaca Centro / Via XX Settembre

Presidio degli attivisti in via XX Settembre: sfratti rinviati al 14 luglio

Da stamattina alle ore 8 gli attivisti della Rete Diritti in Casa, insieme ad una ventina di persone che hanno in corso procedimenti di sfratto, si sono ritrovate in via XX Settembre al numero 36 per un presidio antisfratto

?L'ufficiale giudiziario si presenterà oggi per la quarta volta per eseguire lo sfratto esecutivo. Una rete si solidali e sostenitori del movimento di lotta per la casa si è ritrovata, a partire dalle 8, davanti all'ingresso della palazzina di via XX Settembre, 36 per cercare di impedire che le tre famiglie che attualmente vivono all'interno dello stabile vengano sfrattate.

AGGIORNAMENTI. Alle ore 14 gli attivisti davanti alla casa dove vivono le tre famiglie sotto sfratto sono diventati circa una quarantina. Per sei ore hanno presidiato l'ingresso ed atteso l'ufficiale giudiziario che, alle 14.30, ha rinviato al 14 luglio. Nel frattempo dovrebbe arrivare una soluzione per i tre nuclei, grazie alla disponibilità del Comune di Parma. 

Sono circa 25 persone in presidio, con tanto di bandiere 'Stop sfratti e sgomberi' che attendono l'arrivo dell'ufficiale giudiziario. Per i componenti della famiglia non ci sono alternative immediate: il Comune avrebbe proposto, secondo quanto ricostruito dagli attivisti della Rete Diritti in Casa, la possibilità del pagamento di una caparra per far si che tutti i nuclei presenti possano abitare in una nuova abitazione. Ma tutto dipenderà dal fatto di ottenere, ed è ciò che sperano gli attivisti, un nuovo rinvio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presidio degli attivisti in via XX Settembre: sfratti rinviati al 14 luglio

ParmaToday è in caricamento