Presidio contro gli sfratti, Pizzarotti: 'Siamo stati gli unici a chiedere il blocco"

Il sindaco in vista della protesta di domani durante il Consiglio comunale: "Forse chi manifesta domani non è consapevole di tutto quello fatto finora: il Comune non è provvisto di risorse infinite"

L'assessore Rossi in Prefettura chiede il blocco degli sfratti

"Su mandato del Sindaco Pizzarotti -si legge in una nota del Comune di Parma- giovedì 5 dicembre l’assessore al Welfare Laura Rossi aveva ottenuto la convocazione di un tavolo in prefettura con l’obiettivo immediato di affrontare l’emergenza sfratti, chiedendo ufficialmente al prefetto un blocco temporaneo durante il periodo invernale (purtroppo non ritenuto praticabile dal prefetto stesso), e rivolgendo un accorato appello a tutte le istituzioni e alla città affinché si affrontasse tempestivamente il problema. Da parte sua il Comune ha infatti utilizzato ogni risorsa patrimoniale e sociale disponibile. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Chi manifesta domani forse non è consapevole di tutto quello che abbiamo fatto finora: siamo stati gli unici ad aver lanciato un appello alle istituzioni, investendo risorse più di chiunque – ha affermato Pizzarotti alla notizia del presidio contro il blocco degli sfratti -. Da solo il Comune non è più in grado di sostenere l’emergenza. Sono più di 160 le famiglie in situazione di emergenza a cui abbiamo garantito un tetto. Sono 142 gli alloggi Erp assegnati nel 2013. A questi si aggiungono circa altri 300 alloggi di edilizia residenziale sociale (a canone agevolato) fra quelli già assegnati e quelli di imminente assegnazione, mentre sono 2.6 i milioni destinati fino ad ora alle famiglie non in grado di arrivare alla fine del mese; 650 mila euro annui sono invece la spesa che stiamo destinando alla gestione dell’accoglienza per le persone che dormono all’addiaccio; 42 milioni di euro è il totale dei fondi destinati al Welfare”. “Quello che manca – conclude il Sindaco – è la vicinanza dello Stato alle situazioni di emergenza. Non può passare l’idea che il Comune sia provvisto di risorse infinite, ne che lo Stato possa restare a guardare

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Marito e moglie positivi al Covid escono di casa per aiutare l'amico fermato senza patente: denunciati

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Torna il volo Parma-Trapani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento