Cronaca Oltretorrente / Borgo Poi

Borgo Poi, sfratto di un ex-operaio della Tecnopali. Intervento dei solidali e rinvio di 15 giorni

Stamattina l'ufficiale giudiziario si è presentato in casa della famiglia di Mourad, moglie e una bambina per eseguire lo sfratto con la Polizia. Alla fine è stato strappato un rinvio di 15 giorni

E' stato alla fine rinviato di soli 15 giorni lo sfratto esecutivo che stamattina avrebbe dovuto colpire la famiglia di Mourad, ex-operaio della Tecnopali in Cassa Integrazione da circa tre anni che, a causa delle condizioni finanziarie dovute alla mobilità ed alla mancanza di un regolare stipendio, non è più riuscito a pagare il canone d'affitto di 450 euro per il piccolo appartamento in Borgo Poi.

Così è arrivato lo sfratto esecutivo e l'ufficiale giudiziario si è presentato stamattina alle ore 9.30 per la settima volta. Alla famiglia di Mourad era già stata staccata la luce. Gli attivisti e le attiviste della Rete Diritti in Casa hanno affiancato stamattina la famiglia per cercare di trovare un accordo con la proprietaria di casa: alla fine l'ufficiale giudiziario ha rinviato per la presenza di un certificato medico. Ma tra pochi giorni Mourad e la sua famiglia dovranno uscire dalla loro casa e non avranno alternative. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Borgo Poi, sfratto di un ex-operaio della Tecnopali. Intervento dei solidali e rinvio di 15 giorni

ParmaToday è in caricamento