menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Campo Rom, sgombero in arrivo: “Dove andiamo con i bambini?”

Il Comune intenderebbe demolire le baracche in legno entro fine mese per costruire delle casette . Si chiede alle famiglie di dividersi e andare in dormitori per 6 mesi. "Perché non possiamo usare i container qui a fianco?". Ma il Comune non rilascia dichiarazioni

Peggiora la situazione del campo nomadi di Parma. Un mese fa ci si preoccupava per la luce, ora per il tetto. I Rom parmigiani non hanno tregua. Il Comune di Parma decide di sgomberare l’area del Cornocchio e radere al suolo le baracche per costruire nuove strutture. Il tutto in pieno inverno. Le sei famiglie che abitano le piazzole dovranno abbandonare l’area entro fine mese e trovare una sistemazione per almeno i prossimi sei mesi.

“Noi siamo d’accordo con il sistemare il campo, – afferma uno dei residenti mentre rastrella le foglie – ci teniamo che sia  tutto in ordine. Io lavoro, ma con quello che guadagno non riesco a pagare un affitto a prezzo pieno. Ho quattro figli e guadagno  600 euro al mese. La soluzione migliore che ci propongono sono le case Acer a 300 euro più spese con almeno mille euro di caparra. Non è che non voglio pagare, ma non posso”.

APPELLO A PIZZAROTTI. L’alternativa è il dormitorio. “Sono fuori città – spiegano le donne – e saremmo divisi dai nostri mariti. Ognuna di noi ha almeno tre figli come facciamo a portarli a scuola che non ci sono neanche gli autobus? È inverno, non è giusto che ci mandino in strada”. “Vorremmo fare un appello al Sindaco affinchè ci aiuti, – affermano –crediamo sia una buona persona, ci fidiamo di lui in quanto è stato l’unico a venire qui in dieci anni”.

Intanto al lato del campo nomadi campeggiano i container dell’emergenza freddo “sono completamente vuoti. Perché non possiamo usarli o avere il posto lì?” afferma una delle donne. “Ci hanno detto che arrivano con le ruspe e con la polizia. Noi se non ci danno un posto non ce ne andiamo. Non sapremmo dove andare” chiosa una delle madri di famiglia del campo del Cornocchio.

IL COMUNE. Le baracche costruite dal Comune circa dieci anni fa non sono più agibili da tre anni, ma l’assessore Rossi dichiara che “non ci sono soldi per sistemarle. Ora stiamo cercando un accordo per fare dei lavori. La questione del campo nomadi è una diatriba che si sta concludendo molto male. Io per ora non me la sento di dare l’abitabilità a delle case in cui pendono i fili elettrici”. Dopo essere stati al campo nomadi abbiamo provato a ricontattare il Comune di Parma con una richiesta di conferma della situazione.  "Per ora non rilasciamo dichiarazioni, faremo una conferenza stampa" è stata la risposta.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento