Il Pcl sullo sgombero di via Bengasi: "Perchè siamo soli a difendere questi Esseri Umani?"

La nota del Partito Comunista dei Lavoratori dopo lo sgombero delle palazzine occupate da 50 persone

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il PCL accusa di correità e di collusione tutti i Partiti dell'arco costituzionale. Sul grave problema della casa anche i Partiti della cosidetta Sinistra presentano latitanze da fare invidia a Bernardo Provenzano. Perchè oggi il PCL è solo, a difendere questi Esseri Umani? Perchè qui al nostro fianco non ci sono anche tutti coloro che, nella prima settimana di maggio, esigerebbero di prendersi in carico questa nostra città? Se non si sente come necessaria la vicinanza a chi di qui a poche ore non sa di che sfamare i propri bambini, ne dove farli dormire, che razza di visione della nostra società hanno? Che scala valoriale stanno mettendo alla base delle proprie scelte? Il loro posto è qui, al fianco dei loro fratelli fragili, a provvedere che essi abbiano ciò che gli necessità per un vivere dignitoso ed umano. Che si diano una mossa, invece che usare tutto il tempo a progettare alleanze, spartirsi poltrone, e individuare nuove fasce d'elettorato cui dare l'assalto. E' una vergogna: se non si sta vicino ad un bambino di pochi mesi, a chi si dovrebbe essere vicini? Il Partito Comunista dei Lavori denuncia questa latitanza, e dichiara con chiarezza come punto del proprio programma elettorale il Blocco degli Sfratti anche per morosità, a causa dell'Emergenza Sociale che questa crisi sta generando. E gli altri, da che parte della trincea si pongono? E' ora che spieghino la loro assenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento