menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, la Consulta boccia i sindaci "sceriffo" della Carta di Parma

Il provvedimento della Corte Costituzionale mette la parola fine sulle numerose ordinanze anti-accattonaggio e anti-lucciole emanate, in nome della sicurezza, dai sindaci del Nord aderenti alla Carta di Parma

La Corte Costituzionale ha bocciato la legge 125 del 2008 nella parte in cui consente che il sindaco adotti provvedimenti "a contenuto normativo ed efficacia a tempo indeterminato" per prevenire ed eliminare gravi pericoli che minacciano la sicurezza urbana, anche al di fuori dai casi di urgenza.

La decisione della Consulta fa insorgere il Pdl e Lega, che giudicato inaccettabile l'ennesima ''picconatura'' dei giudici dell'Alta Corte al 'pacchetto sicurezza'. E in effetti la sentenza n. 115 firmata dal presidente uscente Ugo De Siervo non è l'unica bocciatura dei giudici delle leggi alle norme volute dal governo Berlusconi sulla sicurezza: lo scorso anno la Consulta ha dichiarato illegittime sia l'aggravante di clandestinità per chi commette reato, sia la sanzione penale per coloro che trovandosi in stato di estrema indigenza non possono obbedire all'ordine di allontanamento dall'Italia.

''Ritengo che la bocciatura del potere di ordinanza dei sindaci da parte della Corte costituzionale sia stato un errore. Si tratta di un fatto formale: ci vuole una legge e non un decreto amministrativo e noi rimedieremo per ripristinare questa norma importante''. Lo ha detto il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, nel corso della trasmissione Porta a Porta.


La decisione della Corte Costituzionale, sollevata dal Tar del Veneto in merito a un'ordinanza anti-accattonaggio emessa dal sindaco di Selvazzano Dentro (Padova), riaccende di colpo i riflettori su una stagione che ha preso il via nel 2008 e che ancora oggi evidenzia un certo piglio in termini di creatività. Ma la decisione della Consulta, che ha bocciato la legge 125 del 2008, pare mettere la parola fine a una serie di provvedimenti che hanno interessato molti comuni italiani, da più piccoli ai più grandi. Dal 2008 a oggi in nome della sicurezza sono state emanate, dai sindaci del Nord aderenti alla Carta di Parma, diverse ordinanze anti-accattonaggio e anti-lucciole che ora sono state bocciate.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma rischia di finire in zona rossa

  • Cronaca

    Firmato il Dpcm: tutte le restrizioni fino a Pasqua

  • Cronaca

    Covid: scendono i casi, salgono i morti

  • Cronaca

    Oggi il Dpcm: le scuole a Parma verranno chiuse?

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento