menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, Mussini: 'Avere certezze è diritto dei cittadini di Parma' 

"Perché a Parma no e ad altre città sì? Il ministero non si può limitare ad alzare un muro e a ipotizzare un'eventuale assegnazione di risorse aggiuntive in un futuro prossimo non definito. Presenterò subito un'interrogazione"

“Perché a Parma no e ad altre città sì? Il ministero non si può limitare ad alzare un muro e a ipotizzare un’eventuale assegnazione di risorse aggiuntive in un futuro prossimo non definito. Presenterò subito un’interrogazione per capire quali sono i criteri con cui vengono determinati gli organici a livello nazionale e il diritto delle singole province ad avere dei rinforzi, oltre alla ragione per cui l’Unità Operativa di Pronto Intervento è stata assegnata a Modena e non a Parma.”

La senatrice Maria Mussini, vicepresidente del Gruppo misto, è intervenuta alla conferenza stampa indetta oggi dal Comune di Parma cui hanno partecipato, oltre alla parlamentare reggiana, il sindaco Federico Pizzarotti e l’assessore Cristiano Casa. Obiettivo dell’incontro, rendere partecipe la cittadinanza sulla situazione sicurezza a Parma in seguito alla risposta negativa pervenuta dal viceministro dell’Interno Filippo Bubbico alle richieste avanzate sul tema il 31 marzo scorso presso il Viminale dalla delegazione composta dalla senatrice Mussini e dall’assessore Casa.

Mussini è passata poi ad analizzare i nodi che si trovano a monte del problema specifico sollevato dalla lettera del viceministro: “Il primo passo per rispondere al problema sicurezza, a Parma come altrove, è garantire la certezza della pena. Al contrario, ora da un lato non si forniscono risorse adeguate di polizia per presidiare il territorio, dall'altro si tende a depenalizzare i reati in nome di principi legittimi nella teoria ma irrealizzabili nella pratica se non supportati da investimenti sui servizi territoriali e di comunità. I provvedimenti varati dall'esecutivo vanno tutti in questa direzione e ciò non fa che alimentare la percezione che la microcriminalità gravi tutta sulle spalle del cittadino comune”.

Ma la microcriminalità è solo uno degli aspetti dell’emergenza sicurezza, che per Mussini tocca anche l’ordinamento penitenziario, tra cui la legge Marino sulla chiusura degli OPG (Ospedali Psichiatrici Giudiziari), a proposito della quale la senatrice cita il recente episodio dell’internato fuggito dalla REMS (Residenza per l’Esecuzione della Misura di Sicurezza sanitaria) di Mezzani:
“L’incidente che è avvenuto è emblematico per evidenziare il modo di procedere di questo esecutivo. Il problema della legge Marino, su cui fin dall’inizio ho espresso grandi riserve, è che si stabilisce in modo ideologico una cesura netta tra cura e detenzione, in base alla quale gli infermi di mente non devono essere imprigionati, ma curati come tutti gli altri malati. Questa visione, giusta in linea di principio e risolutiva per alcune patologie, non tiene tuttavia conto dell’esistenza di malati mentali pericolosi che vanno sì curati, ma che necessitano di quelle misure di sicurezza che sono invece state escluse dalle REMS, che per loro natura possono disporre solo di guardie giurate. Fingere di ignorare questa realtà e non dotare i territori delle strutture adeguate significa scaricare ancora una volta il peso dell’insicurezza sulla cittadinanza e sulle finanze dei Comuni”.

Anche per queste ragioni, in qualità di membro della Commissione giustizia, Mussini sta lavorando da tempo al ddl ora in discussione sulla riforma del codice penale, di procedura penale e dell’ordinamento penitenziario: “Ho ottenuto che nella riforma del processo penale fosse discussa una proposta di modifica all’ordinamento carcerario che faciliterebbe il reinserimento e la risocializzazione, garantendo così un adeguato percorso di cura e limitando casi come quello di Mezzani. Inoltre, nella mia risoluzione approvata in senato a gennaio chiedevo di agire a tutti i livelli per affrontare la complessità di queste situazioni: per le strutture è stato nominato dal governo un responsabile unico dell’attuazione della chiusura degli OPG ed è stata aperta la discussione in senato per rivedere il meccanismo di applicazione congiunta di pene e misure di sicurezza”. 

Ha concluso la senatrice reggiana: “Il mio impegno per Parma continua, non solo con la nuova interrogazione, ma continuando a fungere da asse di collegamento tra il territorio e il centro, al di là dei giochi di partito e semplicemente cercando di fare tutto quello che si deve nell’esclusivo interesse dei cittadini”.
 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 88 nuovi contagi e 4 decessi

  • Cronaca

    I parmigiani e il vaccino: aumentano gli scettici

  • Attualità

    Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento