Sinagoga imbrattata, Luzzato: "Disgustati, è antisemitismo"

Reagiamo disgustati e preoccupati per l'oltraggio alla sinagoga parmense. Si tratta di un fenomeno antico e mai scomparso" è il commento del presidente della Comunità Ebraica di Venezia al gesto di ieri

"Reagiamo disgustati e preoccupati per l'oltraggio alla sinagoga parmense. Si tratta di un fenomeno antico e mai scomparso, che noi chiamiamo genericamente razzismo e più precisamente antisemitismo": è il commento di Amos Luzzatto, presidente della Comunità Ebraica di Venezia, dopo l'imbrattamento del portone della sinagoga di Parma avvenuto ieri. "Le sue caratteristiche - sottolinea - sono individuabili nell'identificare un gruppo umano, esposto per la sua debolezza e renderlo collettivamente responsabile di possibili crimini e misfatti. La ricerca delle responsabilità per episodi sui quali l'opinione generale e l'emotività, richiederebbero una adeguata punizione viene risolta invece con superficialità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Una società che voglia essere civile non può accettare e farsi soggiogare da tale cultura. Siamo in presenza di una conflittualità pericolosa, ma non soltanto nel Medioriente; le responsabilità sono spesso multilaterali; se ci limitiamo al conflitto arabo-israeliano non possiamo scordare il suo inizio, deve essere fatto arretrare almeno alla votazione del 1947 all'Onu che stabiliva la spartizione della "Palestina" in due stati. Alcuni membri dell'Onu, ostili a quella decisione, impugnarono le armi per contestarla con un'iniziativa indubbiamente molto grave, dando fuoco alla prima di queste guerre tra Israele e i suoi vicini.

"Il seguito - sostiene Luzzatto - è una catena di conseguenze. Quello che è sicuro è che l'incapacità di indagare fino a una conclusione accettabile non può giustificare l'invenzione di un capro espiatorio; se nello stesso parlamento israeliano liberamente scelto esistono pareri differenti, ricercare la responsabilità di atti violenti in piccole Comunità della diaspora ebraica che - non dimentichiamolo - sono i resti di una reale, bestiale e grave persecuzione, è totalmente assurdo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Covid, in arrivo un nuovo Dpcm: limitazioni su orari e spostamenti

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento