Fusione tra Sissa e Trecasali, Ferrari: "Ridurrà il costo della politica"

Gabriele Ferrari del Pd è stato nominato relatore del progetto di legge per la fusione. "Ci sarà un referendum per i cittadini e le associazioni". Incentivi di 6 milioni di euro dalla Regione

La Commissione Bilancio, Affari generali ed istituzionali ha nominato il consigliere regionale Gabriele Ferrari (PD) relatore del progetto di legge di fusione dei Comuni di Sissa e Trecasali della Provincia di Parma. "La fusione in un solo Comune - sottolinea Gabriele Ferrari - permetterà di ridurre i costi della politica, di razionalizzare l'utilizzo di impianti e strutture e di garantire i servizi ai cittadini, messi sempre più in pericolo dai tagli agli enti locali che hanno caratterizzato gli ultimi anni. La nostra Regione già da tempo ha deciso di premiare i comuni che hanno il coraggio di fondere storie ed esperienze diverse e il nuovo ente che nascerà da Sissa e Trecasali potrà contare su forti incentivi economici per un totale di quasi 6 milioni di euro".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La Regione Emilia-Romagna - prosegue il consigliere regionale PD - erogherà al nuovo Comune per 15 anni un contributo annuale di 170mila euro (Tot. 2.550.000 euro) A titolo di compartecipazione alle spese iniziali la Regione erogherà per tre anni anche un contributo straordinario di 150mila euro l'anno (Tot. 450.000 euro). Dallo Stato per dieci anni arriverà inoltre un contributo annuo di 284358 euro (Tot. 2843580€). Per i dieci anni successivi alla sua costituzione il nuovo Comune avrà priorità assoluta nei programmi regionali che prevedono contributi a favore degli enti locali, potrà accedere ai contributi previsti per le unioni di Comuni e per tre anni non sarà soggetto al patto di stabilità territoriale: soldi che altrimenti sarebbero rimasti congelati serviranno dunque a fare opere di manutenzione e a rimettere in moto l'economia".

"Il processo di fusione di due comuni richiede un accurato percorso di partecipazione e di coinvolgimento. Per questo i cittadini, le associazioni, i rappresentanti del mondo produttivo e del lavoro potranno esprimere la propria opinione attraverso un referendum. Esprimo la mia piena condivisione per la scelta fatta dalle Amministrazioni comunali, che tra l'altro va nella direzione indicata dal neopremier Enrico Letta nel proprio discorso di insediamento. Altri comuni come Monchio e Palanzano hanno avviato un percorso di fusione, ed è auspicabile che anche altre piccole realtà della nostra provincia facciano altrettanto. Iniziando ora a programmare fusioni - conclude Ferrari - potrebbero approfittare di cospicui incentivi, mentre in futuro un provvedimento nazionale potrebbe obbligare a fare senza incentivi quello che oggi può essere una scelta consapevole e conveniente per tutti."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento