Smartphone e cuffie Apple contraffatte in auto: denunciati cinque rumeni

I poliziotti hanno perquisito l'auto: tutte le confezioni avevano lo stesso codice a barre

Si trovavano a bordo di un'auto in sosta in viale Mentana mentre una loro connazionale chiedeva l'elemosina in zona. Cinque cittadini rumeni sono stati controllati nel pomeriggio di lunedì 2 novembre dai poliziotti delle Volanti che, dopo aver notato un atteggiamento sospetto, hanno deciso di perquisire la macchina. Due persone, poi, alla vista degli agenti, hanno cercato di nascondere alcuni oggetti sotto ai sedili dell'auto. I poliziiotti hanno trovato otto confezioni con dentro smartphone di marca Samsung modello s20 Ultra 5G  - di cui tre con confezione ancora sigillata - e sette confezioni di cuffie Bluetooth marca Apple modello Airpods Pro. 

Sono stati trovati anche monili in oro tra cui anelli, bracciali e spille. I telefoni Samsung avevano lo stesso codice a barre. Anche le cuffie marca Apple, pur presentando numeri seriali diversi tra loro, recavano il medesimo codice a barre. La conferma circa la non genuinità degli oggetti tecnologici è stata poifornita dal personale tecnico delle rispettive case madri. I cinque rumeni sono stati denunciati per i reati di ricettazione e di commercio di prodotti con segni falsi in concorso fra loro. Nei confronti dei cinque, domiciliati presso un campo nomadi di Bologna, la divisione Anticrimine ha emesso il foglio di via dalla città di Parma, e il divieto di ritorno nel comune per tre anni.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Covid: Parma zona gialla da domenica 6 dicembre

  • Ferie blindate: niente vacanze in montagna e divieto di spostamento fuori regione per i parmigiani

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento