menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Galeotto fu l'sms: trovato con un etto di fumo fa beccare anche il complice

I carabinieri dopo aver arrestato un 20enne di Parma vengono allertati da un sms sul cellulare del ragazzo: "Ho roba buona amico, vediamoci". Si presentano all'incontro e trovano un altro pusher con della cocaina

I carabinieri di Sant'Ilario d'Enza hanno arrestato un parmigiano di 20 anni e un 24enne nigeriano per possesso di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. I militari hanno sorpreso il ventenne in flagranza mentre vendeva del fumo a un cliente e hanno trovato nella sua auto un etto di hashish. Il giovane viene portato in Caserma, ma un sms che arriva sul cellulare fa subito allertare i carabinieri "Ho roba buona amico, vediamoci". I militari allora decidono di presentarsi all'appuntamento fissato in un parcheggio di viale Piacenza, a Parma.

Arrivano in borghese a bordo di un auto e - dopo aver abbassto il finestrino - si vedono consegnare in mano un ovulo di cocaina a cui fa seguito la richiesta di 50 euro. I carabinieri a quel punto si qualificano ed arrestano il secondo pusher, un nigeriano di 24 anni residente a Gradisca d'Isonzo in provincia di Gorizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Cronaca

    Bonaccini: "Se i contagi aumentano, pronti a chiudere le scuole"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento