Sorbolo, sfratto alla casa colonica: appello per 70 cani e 30 gatti

L'associazione Cani e Gatti & Co lancia una richiesta di aiuto. Entro aprile 2013 dovrà abbandonare la sede di Enzano. Marcella Turri: "E' una cosa molto urgente, cerchiamo una casa in campagna. Mi rimetto al vostro buon cuore"

Le volontarie dell'associazione Cani e Gatti &Co

Un appello accorato per un aiuto concreto quello che arriva dall'associazione Cani e Gatti &Co. che dal 2004 si occupa di aiutare animali abbandonati e maltrattati ospitandoli e curandoli a Enzano, strada del Fienile, Sorbolo. A causa di vicissitudini giudiziarie approdate in tribunale che hanno avuto come esito lo sfratto entro aprile 2013 dalla casa colonica con terreno, l'associazione chiede un aiuto urgente per una nuova sede in cui ospitare i suoi 70 cani e 30 gatti. "Il nostro grande problema è la casa - sottolinea Marcella Turri, associazione Cani e Gatti &Co. -. Purtroppo è stata venduta nonostante noi siamo qui da 20 anni. Lancio un appello a tutte le persone che hanno possibilità di aiutarci in questo senso: una casa di campagna con almeno 3000 metri di terra dove poter ospitare i nostri cani e gatti. Sono disposta a pagare l'affitto, mi rimetto al vostro buon cuore è una cosa molto urgente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO: L'APPELLO DI CANI E GATTI ALLA CITTA'
 

Tanti gli animali che provengono da realtà difficili e che sono in attesa di una nuova famiglia, come Rocky, che dopo aver vissuto 9 mesi in una casa, è diventato una "rinuncia di proprietà", o come un cane anziano che vive da oltre 10 anni con l'associazione, ha problemi motori alle zampe posteriori e ha un bisogno continuo di farmaci, o come Chicca, ora scomparsa, che ha vissuto per anni con la catena in un box di 1,5 metri subendo violenze, come un colpo in testa che l'aveva portata alla perdita della vista a un occhio.

"Ci sono tanti cani e gatti che hanno bisogno di un supporto emotivo e di un'adozione, anche a distanza, che permetterebbe di dare maggiori possibilità di comprare le medicine, pagare il veterinario - sottolinea una delle volontarie -. Cerchiamo persone disponibili anche a svolgere lavori manuali, come mettere paratie per proteggere gli animali dal freddo. Ognuno può fare qualcosa". Volontarie che sottraggono tempo ai momenti liberi del fine settimana per aiutare Marcella Turri nella gestione degli animali che chiedono un aiuto per portare avanti le attività dell'associazione, dai lavori manuali, a qualche ora per dedicarsi alle pulizie degli spazi, tagliare l'erba e dare affetto ad animali che provengono da realtà difficili. "E' un'esperienza che cambia la vita - sottolinea una delle volontarie - vi aspettiamo". Per contattare l'associazione indirizzo mail caniegattieco@gmail.com 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • "La mia prima cena dopo il lockdown: vi racconto com'è andata"

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento