Spaccia 'erba', oppio e anfetamine davanti al Teatro Regio: 22enne in manette

I carabinieri hanno trovato 3 mila euro in banconote di piccolo taglio e la droga all'interno dell'abitazione che aveva in uso

La droga sequestrata dai carabinieri

Spacciava marijuana ma anche anfetamine e oppio in pieno centro a Parma, in particolare davanti al Teatro Regio. Un 22enne italiano, le cui iniziali sono N.L.M, è stato arrestato dai carabinieri per traffico di sostanze stupefacenti, al termine delle indagini che sono state coordinate dalla Procura della Repubblica di Parma.

Il giovane, che era già stato fermato al parco Ducale con circa 200 euro in banconote di piccolo taglio, era seguito dagli inquirenti che hanno cercato di ricostruire la sua rete di spaccio, partendo da un controllo di alcuni consumatori che si trovavano proprio davanti al più noto teatro cittadino. Il telefono del giovane, che aveva precedenti per spaccio, è stato messo sotto controllo: questo ha permesso di conoscere il suo vero domicilio e di acquisire elementi utili alle indagini. Il giovane infatti aveva fornito un indirizzo sbagliato ai carabinieri. 

La perquisizione all'interno dell'abitazione che aveva in uso ha permesso di individuare, oltre a 3 mila euro in banconote di piccolo taglio, alcuni barattoli con all'interno marijuana, per un totale di 90 grammi, oltre a 5 grammi di anfetamine e 2 grammi di oppio, il materiale per il confezionamento. Il 22enne è stato arrestato: i militari hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare emessa dalla Procura. Attualmente si trova agli arresti domiciliari: dovrà scontare 1 anno e 4 mesi. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Borghese porta Parma su Sky: quali saranno i quattro ristoranti in gara?

  • Dal 3 dicembre torna la zona gialla: tutte le regole per il Natale 2020

  • Parma in zona gialla dal 4 dicembre

  • Mascherine, istruzioni per l'uso: mai portarla in tasca o al braccio

  • "Parma potrebbe tornare presto in zona gialla"

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

Torna su
ParmaToday è in caricamento