menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I due pregiudicati arrestati

I due pregiudicati arrestati

Scambiatore Est, sparano per rapinare una lucciola 21enne: arrestati

Due pregiudicati di 20 e 25 anni sono finiti in manette dopo aver rapinato una prostituta di 400 euro e del telefono cellulare. Uno dei due ha esploso dei colpi in aria con una pistola "scacciacani"

I carabinieri di Parma sono intervenuti durante la notte di venerdì scorso presso il parcheggio scambiatore Est di Parma in soccorso di una prostituta che era da poco stata picchiata e rapinata della sua borsa contenete 400 euro ed un telefono cellulare. In particolare due ragazzi, dopo aver consumato una prestazione sessuale in quell’area di sosta con la ragazza, una croata 21enne residente a Reggio Emilia, ritornavano sul posto, uno alla guida e l’altro nascosto nel bagagliaio di una Golf.

Uno dei due, R. V., 20enne pregiudicato residente  a Brescello, contratta con la prostituta una seconda prestazione sessuale e, dopo averla fatta salire sull'auto, si ferma poco distante dal parcheggio con la scusa di prendere nel bagagliaio il portafogli. Quindi scende dalla macchina e apre il cofano dal quale esce il complice che, con in mano una pistola “scacciacani”, esplode due colpi in aria e rapina insieme a R. V. dei suoi averi la ragazza per poi scaraventarla a terra fuori dall’auto. I due poi si sono dileguati per le vie circostanti ed un automobilista di passaggio ha soccorso la straniera richiedendo, successivamente, l’intervento delle forze dell’ordine.

Congiuntamente intervenivano, in breve tempo, una pattuglia della polizia e una dei carabinieri che, dopo aver soccorso la donna ed acquisito le informazioni necessarie, perlustravano le aree limitrofe fino ad intercettare uno dei due rapinatori (R. V.) nascosto in mezzo alla vegetazione di un campo antistante il parcheggio. La perquisizione personale e veicolare del mezzo, eseguita dai militari, consentiva di rinvenire all’interno la borsa della prostituta, i soldi, il telefono cellulare, 5 cartucce a salve ed un coltello a serramanico. L’uomo pertanto è stato arrestato per il reato di rapina aggravata in concorso e trasferito presso il carcere di via Burla.

Le ricerche del complice sono state alquanto articolate in quanto non agevolate dal correo, ma nel pomeriggio di ieri, i carabinieri, hanno rintracciato il secondo rapinatore (quello che si era nascosto nel bagagliaio prima della rapina) e gli hanno applicato la misura cautelare degli arresti in carcere emessa dal Tribunale di Parma, su richiesta della Procura di Parma, in concordanza con l’ipotesi investigativa del Comando operante.

L’uomo, A. M., marocchino 25enne pluripregiudicato, di professione operaio, residente a Mezzani, è stato localizzato presso la sua abitazione che, sottoposta a perquisizione, ha consentito di rinvenire un lampeggiante in uso alle forze di polizia.
Lo straniero, oltre all’arresto è stato anche deferito per possesso di segni distintivi contraffatti e trasferito anch’egli presso il carcere di via Burla.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: oltre 160 casi e due morti

  • Cronaca

    Teatri e cinema riapriranno il 27 marzo

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento