Pubblica Amministrazione, Maestri: "Nel decreto 6 milioni per gli specializzandi"

Nel decreto però è prevista anche soppressione, dal 1 ottobre delle sezioni distaccate del TAR, compresa quella di Parma. Maestri: "Per un giudizio completo attendo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale"

La parlamentare del Pd Patrizia Maestri commenta l’approvazione del provvedimento di riforma della Pubblica Amministrazione licenziato dal Governo. "Prima di dare un giudizio complessivo sulla riforma della Pubblica Amministrazione varata dal Governo venerdì, penso sia necessario attendere di poter vedere i testi pubblicati in Gazzetta Ufficiale; ma alcuni dei provvedimenti di maggior significato politico, anticipati dalla stampa, vanno nella giusta direzione. Penso in particolare allo stanziamento di 6 milioni per il 2014 e 42 milioni dal 2015 per le borse di studio per le scuole di specializzazione medica che tornano così a 5mila dalle 3.300 a cui si erano ridotte già da quest’anno. Un finanziamento importante che consente di investire significative risorse sul rinnovamento generazionale del Servizio Sanitario. Si tratta di un provvedimento molto atteso e per il quale, incontrando a Parma i medici specializzandi insieme al collega del PD Filippo Crimì, mi ero personalmente impegnata a sollecitare al Governo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Altri aspetti necessitano invece di ulteriori approfondimenti: penso al taglio del 50% dei distacchi sindacali ma anche alla soppressione, dal 1 ottobre delle sezioni distaccate del TAR, compresa quella di Parma. La riorganizzazione della giustizia amministrativa sul territorio è certamente necessaria ma senza una riforma organica si rischia di gravare ulteriormente le sedi centrali di lavoro, peggiorando il livello qualitativo del servizio ai cittadini e aumentando i costi per ottenere giustizia. Spero che su questo vi sarà in Parlamento l’opportunità di intervenire contribuendo a rendere migliore e più efficace questa importante riforma". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

  • Welcome, Mister President: al via l’era Krause

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento