Stalking, pedinava l'ex compagna: arrestato dentista 57enne

L'uomo è accusato di aver sottoposto la donna a persecuzioni attraverso telefonate, sms intimidatori piazzando perfino cimici nella sua auto: le indagini, molto complesse, sono state condotte dagli uomini della Squadra Mobile

Uno dei casi di stalking più gravi in città

E' accusato di aver sottoposto la sua ex compagna a persecuzioni attraverso pedinamenti, telefonate, sms intimidatori, piazzando perfino cimici dentro la sua auto. Un dentista parmigiano di 57 anni è stato arrestato dagli uomini della squadra volante della Questura di Parma. La misura è stato eseguita a distanza di mesi dal primo provvedimento di carcerazione ai domiciliari che la magistratura aveva adottato nei confronti del professionista. L'uomo infatti si è più volte allontanato dalla propria abitazione, violando così la limitazione alla libertà personale. Secondo gli inquirenti in tutti questi casi l'uomo avrebbe cercato di continuare a mettere in pratica comportamenti persecutori nei confronti della ex compaqna.

Il 25 agosto l'arresto in flagranza di reato. Il dentista era stato trovato dagli uomini della Questura a poca distanza dall'abitazione della donna e non era riuscito a spiegare le ragioni della sua presenza in quel luogo. Siccome all'epoca del primo fermo le accuse nei suoi confronti erano particolarmente gravi (maltrattamenti in famiglia, percosse, lesioni personali aggravate, ingiurie, violenza sessuale, violenza privata, minacce, atti persecutori, violazione e soppressione della corrispondenza) la Questura aveva chiesto l'arresto con detenzione in carcere dell'indiziato.

La Magistratura parmigiana, pur convalidando l'arresto, aveva però disposto l'immediata liberazione del dentista e il ripristino della detenzione ai domiciliari. In seguito il tribunale di Bologna, competente in ragione di uno dei reati contestati (quello postale), aveva però revocato i domiciliari e disposto la detenzione in carcere del professionista. Stando alle indagini sembra che l'uomo abbia riempito di 'cimici' l'auto dell'ex compagna allo scopo di seguirne i movimenti e le discussioni. L'episodio si configura, perlomeno in ipotesi, come uno dei più gravi casi di stalking avvenuti nella città emiliana. Delle indagini, molto complesse, si sono occupati gli uomini della squadra Mobile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm di Natale, scatta lo stop ai viaggi: ecco quando ci sarà il divieto di spostamento

  • Nuova ordinanza: Parma resta arancione, negozi aperti la domenica

  • Pizzarotti: "Da venerdì torneremo in zona gialla"

  • Verso il lockdown di Natale: coprifuoco e stop agli spostamenti tra regioni

  • Coprifuoco alle 23 e deroghe ai nonni per le feste di Natale: verso il Dpcm del 3 dicembre

  • Covid, oggi si decide: Parma potrebbe tornare in zona gialla

Torna su
ParmaToday è in caricamento