menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stanco di aspettare al Pronto Soccorso: calci e pugni i sanitari

Arrestato un 29enne magrebino, che si è scagliato anche contro le forze dell'ordine. Già noto ai carabinieri, che lo avevano arrestato il giorno del suo matrimonio, quando aveva distrutto la porta della caserma

Nottata turbolenta per i sanitari del pronto soccorso dell’ospedale “Vaio”. Con gli operatori del 118 in preda al panico, a causa di un 29enne magrebino, residente a Salsomaggiore e gravato da precedenti di polizia, che probabilmente in preda ai fumi dell’alcol, si è presentato spontaneamente per farsi visitare. Forse stanco di aspettare il suo turno, ha inveito contro tutti i presenti. Allertato il 112, i militari della stazione di Fidenza sono arrivati in pochi minuti e hanno letteralmente strappato l’extracomunitario dalle braccia del personale sanitario, che faticava a contenere spintoni, urla, insulti e sputi.

Alla vista dei carabinieri l’uomo, già conosciuto, invece di calmarsi ha cercato di colpirli con calci e pugni. I militari sono riusciti a contenerlo in pochi minuti, immobilizzandolo ed allontanandolo dalla sala dalla d’attesa. Giunto in caserma, in via Trento, l’uomo non ha inteso darsi una regolata, ed ha continuato con condotte violente. 

Nell’agosto del 2020 era stato arrestato per 'eccessi' durante la festa del proprio matrimonio. Erano stati i parenti stessi ad attivare le forze dell’ordine, contro le quali si era scagliato anche in quell’occasione, senza remore. Condotto in caserma aveva parzialmente demolito la porta della cella a calci, e causato ingenti danni anche alla vettura di servizio che lo stava accompagnando in tribunale. Il 29enne è stato arrestato per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e trattenuto presso le camere di sicurezza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

Il parco Vezzani torna a nuova vita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento