menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Statua di Toscanini, dopo 2 anni ancora al Barilla Center e con tutti i danni

L'opera, realizzata da Maurizio Zaccardi, nel maggio 2009 fu trasferita dal Parco Ducale. Doveva trattarsi di una soluzione temporanea. Intanto, già da tempo, la bacchetta del maestro è scomparsa

In tanti si sono ormai abituati a vederla nel viavai quotidiano di una via particolarmente trafficata come la via Emilia. La statua in bronzo raffigurante Arturo Toscanini, realizzata da Maurizio Zaccardi, nel maggio 2009 è stata ufficialmente trasferita dal Parco Ducale al Barilla Center, con tanto di celebrazioni ufficiali e ospiti noti.

I motivi non ben compresi da molti, vista l'importanza del soggetto raffigurato, un'icona della musica a livello internazionale, che si è scelto di collocare davanti a un centro commerciale sulla via Emilia, snaturandone il senso nel contesto.
Doveva trattarsi di una soluzione temporanea, circostanziata alla concomitanza con la mostra e gli eventi dedicati al musicista. Le previsioni di un successivo spostamento nei pressi della sua casa natale erano inizialmente riferiti al termine degli omaggi a lui dedicati nel maggio del 2009. Tuttavia a distanza di due anni non si hanno risposte.

Ciò che è certo è che da tempo il monumento ha subìto alcuni danni. Le lettere che componevano il nome del grande musicista sono via via "scomparse" e dal basamento in marmo si possono ormai vedere unicamente in controluce. Non solo. Il simbolo del virtuosismo del Maestro, la sua bacchetta, da tempo non c'è più. E la posa da come l'idea di un'astrazione, di un movimento espresso con tale vigore che non serve avere altro, un impeto che emerge comunque dalla creazione di Zaccardi, anche senza, purtroppo, una parte dell'opera d'arte.

Colpisce come, nonostante sia un monumento ben in vista agli occhi dei tanti passanti e frequentatori del centro commerciale di giorno e di sera, ancora non si sia posto rimedio ai danni arrecati da tempo alla statua. E se si chiede a qualcuno dei tanti ragazzi che frequentano le panchine del centro commerciale, emerge una sorta di consapevolezza di quella che è vista come normalità, "Tanto – afferma un giovane studente – c'è sempre qualcuno che scrive o stacca qualcosa quando può".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Inquinamento: via libera ai diesel Euro 4 fino a lunedì 8 marzo

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 200 casi ma nessun decesso

  • Cronaca

    Vaccini anti-Covid, a Parma superata quota 50.000

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento