Bici in stazione, Legambiente e Fiab: 'Solo 96 posti? Sono pochi, avete speso vagonate di milioni'

"Una disponibilità di posti che appare al di sotto delle necessità e che, probabilmente, porrà disagio ai cittadini che continueranno ad affastellare le bici in pertugi, pali". Folli ci twitta: 'Progetto ampiamente illustrato a Fiab'

Il cantiere per la nuova stazione

"Pochi stalli per le biciclette in stazione, una scelta discutibile. Le cronache del sopralluogo nella nuova stazione, oramai prossima all'apertura, riportano un dato che lascia perplesse le associazioni Legambiente e Bicinsieme-Fiab. A quanto sembra gli stalli per le biciclette saranno solo 96. Una disponibilità di posti che appare al di sotto delle necessità e che, probabilmente, porrà disagio ai cittadini che continueranno ad affastellare le bici in pertugi, pali spazi vari, con inevitabile disordine, scarso decoro e precaria sicurezza. 

IL TWEET DI FOLLI. Dopo la condivisione dell'articolo l'assessore Folli ci twitta in risposta alla presa di posizione delle associazioni: "Il progetto è stato ampiamente illustrato a Fiab.. 96 posti in più e possibilità di aumentarli​"

È pur vero che rimarrà in funzione il parcheggio bici coperto a pagamento, con 400 posti. Ma è altrettanto vero che si tratta di un parcheggio saturo e con orari prestabiliti, non funzionali a tutti i viaggiatori. Inoltre non è chiaro se l'ubicazione dei nuovi posti per le bici permetterà un rapido aggiungimento dei binari oppure se costringerà i viaggiatori a percorsi lunghi o tortuosi, una volta parcheggiata la bici. Le associazioni ambientaliste hanno a più riprese sensibilizzato l'Amministrazione Comunale su questo aspetto, ma a quanto pare gli esiti non paiono soddisfacenti. Insomma nel progetto si sono tenute in alta considerazione gli interessi delle automobili private, l'accessibilità e la funzionalità dei mezzi pubblici (operazione giusta), ma ancora una volta sono state sacrificate le biciclette (e, en passant, anche gli scooter con 57 stalli riservati) a dispetto delle dichiarazioni di principio generali di voler invertire la tendenza degli spostamenti di mobilità dall'automezzo ad altre forme: Parma è una città che si gira in bicicletta, ma si continua a non favorire le due ruote.

Legambiente e Bicinsieme chiedono al Comune e a Stu Stazione dei chiarimenti sul numero di stalli a favore delle biciclette e sul loro posizionamento e, nel caso siano confermati i soli 96 posti, che siano progettati e realizzati in tempi brevi dei nuovi parcheggi a rastrelliera, con facilità di incatenare il telaio ad un elemento fisso, e inoltre che siano coperti con tettoia o in altro modo, e videosorvegliati per permettere quel minimo livello di sicurezza contro i furti. Con le vagonate di milioni spesi per la nuova stazione realizzare un servizio dignitoso e gratuito per i ciclisti, cioè per chi si muove in modo non inquinante e dà un contributo a tenere l'aria pulita, sarebbe oltremodo auspicabile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Bimba di sei anni muore per meningite

Torna su
ParmaToday è in caricamento