Stazione, rompe un braccio ad un giovane e ne aggredisce altri due con pietre e bottiglie: denunciato 23enne

La Polfer ha identificato l'autore di due agguati nel mese di agosto: il giovane si è presentato con gli stessi vestiti indossati i giorni delle aggressioni

Alla fine del mese di agosto ha aggredito tre persone a colpi di bottiglie rotte e pietre nei pressi della stazione ferroviaria di Parma: un 23enne di origine senegalese è stato identificato e denunciato dalla Polfer che, dopo complesse indagini, è riuscita a dare un nome all'aggressore che si vedeva parzialmente dalle immagini delle telecamere di videosorveglianza.

Le aggressioni, avvenute in due giorni distinti, sono nate da futili motivi ma sono in corso indagini per capire se alla base delle discussioni ci fossero comportamenti illegali, per esempio lo spaccio di droga. Alla fine del mese di agosto gli agenti della Polfer erano intervenuti per un'aggressione nel piazzale degli autobus, in via Villa Sant'Angelo. Un giovane ne aveva aggrediti altri due: una delle due vittime aveva riportato una lesione all'avambraccio ed era stato sottoposto ad un intervento chirurgico.

Sul momento gli agenti avevano sequestrato gli oggetti usati per l'aggressione: alcune pietre e dei cocci di bottiglia. Il giorno dopo un terzo giovane era stato aggredito: l'arma in questo caso era stata un anello che l'aggressore portava al dito. Lo ha utilizzato per colpire l'arcata sopraccigliare di un altro giovane, ricoverato poi in ospedale.

Dopo le indagini, effettuate con l'utilizzo delle immagini delle telecamere di videosorveglianza, i poliziotti sono riusciti a risalire al 23enne che nel 2013 si era reso responsabile dell'aggressione verbale ai danni di un capotreno che lo aveva sorpreso senza biglietto. Il giovane aggressore, poi, è stato riconosciuto da tutte le vittime. Dopo essersi recato negli uffici della Polizia Ferroviaria, tra l'altro con gli stessi vestiti che indossava i giorni delle aggressioni, è stato denunciato per minacce e lesioni aggravate dall'uso di armi improprie e per i futili motivi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

  • Pioggia e vento, allerta gialla nel parmense: week end con temperature in discesa

  • Un uomo minaccia di lanciarsi dal viadotto: fermato all'altezza di Fontevivo

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

Torna su
ParmaToday è in caricamento