menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stepchild adoption, il pediatra ed l'ex consigliere comunale Volta (Pd) "E' possibile dal 1983"

Mentre in Senato si discute della legge sulle unioni civili dopo le ultime trattative tra Pd e Ncd, il pediatra ed ex consigliere comunale di minoranza (Pd), Alessandro Volta, pubblica su Fb il suo pensiero riguardo alla stepchild adoption

Ore decisive quelle di oggi per la battaglia sui diritti civili che si è presa totale possesso dell'informazione nelle ultime settimane.

Le trattative tra Pd e M5s poi sfumate delle scorse settimane, l'ombra del super canguro bocciato dal presidente del Senato Pietro Grasso ed ora l'alleanza tra Pd, Alfano e Verdini che stralcerà completamente la possibilità per le coppie omosessuali di adottare un bambino, rimarrà solo l'articolo 3 che lascerà ai giudici -solo in casi particolari- la possibilità valutare l'adozione per il figlio del partner.

L'aula stasera voterà la fiducia su una legge azzoppata.

Oggi su facebook esprime il suo pensiero riguardo alla stepchild adoption l'ex consigliere comunale Pd nonché pediatra, Alessandro Volta:

LA STEPCHILD ADOPTION E' POSSIBILE DAL 1983

In base alla legge 184 del 1983 in Italia sono possibili due tipi di adozioni: quella legittimante (che richiede una coppia eterosessuale sposata da almeno 3 anni) e quella in 'casi particolari'. Questo secondo tipo di adozione è normato dall'articolo 44: al comma b è definita la possibilità di adottare il figlio del partner. E' il tribunale dei minori, che in base al 'principale interesse del bambino', autorizza questa forma di adozione, anche nel caso di coppie omosessuali.

Con la legge Cirinnà il percorso sarebbe stato solo più veloce e più uniforme per tutto l'ambito nazionale. Il dibattito che in questi giorni ha bloccato il senato è stato del tutto inutile e strumentale, praticamente chiacchere da bar. Siamo un paese ridicolo e incivile, incapace di riconoscere a una minoranza diritti basilari. I 500 bambini italiani che oggi vivono in famiglie omosessuali probabilmente se ne fregano dell'articolo 5 stralciato oggi dal DDL Cirinnà, sono più interessati ad avere qualcuno che li ama e che si occupa di loro...."

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento