menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Smantellata la rete dell'hashish in provincia, 10 misure cautelari: sequestrati 7 chili di droga

I carabinieri hanno portato a termine due operazioni: la prima ha fermato la catena dello spaccio tra Colorno e Traversetolo, con scambi accertati per 70 mila euro, la seconda ha riguardato lo smercio di droga in viale Vittoria e via dei Mille

Due distinte operazioni antidroga, portate avanti e concluse dai carabinieri di Parma, hanno portato all'esecuzione dei dieci misure cautelari, quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere e sei divieti di dimora in provincia di Parma. I militari hanno concluso le indagini relative a due gruppi criminali distinti, che si occupavano di immettere sul mercato e di spacciare diversi tipi di sostanze stupefacenti. Un gruppo si occupava di spacciare hashish: l'attività di indagine ha avuto inizio a Traversetolo.

Alcune madri infatti si sono accorte, nel corso di alcuni mesi, che i loro figli chiedevano sempre più soldi, senza una giustificazione apparente. Ad un certo punto decidono di recarsi dai carabinieri, per spiegare la situazione e i loro sospetti. I militari, dopo le indagini, fermano un giovane di 35 anni, A. M. R., accusato di essere un pusher e di spacciare l'hashish ai giovani del paese. Per lui, che è residente in provincia di Reggio Emilia, è scattato il divieto di dimora in provincia di Parma. Le indagini hanno poi portato all'individuazione del fornitore del 35enne: si tratta di un 31enne le cui iniziali sono E.A. Il pusher si occupava anche di spacciare droga ai giovani e giovanissimi in Pilotta, alla pensilina davanti al Toschi, in Pilotta e al parco San Paolo.

Le indagini degli inquirenti hanno permesso di ricostruire la scala dello spaccio, che arrivava fino alla Lombardia. Il terzo giovane, di 30 anni le cui iniziali sono E.J., è stato identificato come fornitore del secondo spacciatore: lui stesso spacciava sulla piazza di Parma. Il secondo fornitore del 31enne era E.A, un ragazzo di 26 anni, ritenuto il gestore di vari pusher a Parma e provincia. Nel corso dell'operazione sono stati sequestrati ben 7 chili di hashish. Tra gli identificati anche B.L., un giovane residente in provincia che riforniva di hashish il mercato di Colorno.

Sono stati arrestati in flagranza i due corrieri che portavano la droga dalla Lombardia a Parma: si tratta di un giovane di 34 anni e di un uomo di 50 anni, che era il riferimento sul posto. I piazzisti di Colorno, Traversetolo e Parma avevano difficoltà a recuperare tutta la droga che veniva chiesta dalla clientela: dalle intercettazioni telefoniche i carabinieri hanno ricostruito altri dettagli. Per esempio in un'occasione i pusher stavano trasportando l'hashish da Brescia a Parma e ad un certo punto hanno lanciato .a droga dal finestrino: gli spacciatori avevano così cercato di fregare i fornitori. I carabinieri, che hanno ricostruito il luogo in cui era stata lanciata la sostanza stupefacente, l'hanno sequestrata e i pusher, al loro ritorno, non hanno più trovato la droga .

Il secondo filone d'indagine dei carabinieri ha riguardato lo smercio di sostanze stupefacenti nelle zone di viale Vittoria e via dei Mille: le indagini hanno permesso di documentare una fiorente attività di spaccio da parte dei giovani in bicicletta. Alcuni di loro fanni i pali e avvertono gli altri dell'eventuale arrivo delle forze dell'ordine mentre altri si occupano di consegnare la droga ai clienti. Dopo un primo contatto i pusher recuperano la droga, precedentemente nascosta nelle siepi, in cassette della posta con utilizzate, nei cestini della spazzatura, e la consegnano ai clienti, dopo aver contrattato il prezzo. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Covid: a Parma oltre 124 mila vaccinazioni

Attualità

Crolla il controsoffitto: Duc allagato

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Il Museo d’Arte Cinese di Parma protagonista alla Sapienza di Roma

  • Cronaca

    Prosciutto di Parma, 2020 anno nero: calano vendite ed export

  • social

    Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento