Usura, prestavano soldi con tassi fino al 120%: arrestati 9 'cravattari'

Nell'ambito dell'operazione "Barracuda", i carabinieri hanno sgominato un gruppo di strozzini parmigiani. Indiviiduate, per ora, 15 vittime tra commercianti e imprenditori. Sequestrati beni per 300mila euro

Arresto dei carabinieri

Dal 2005 la banda di strozzini dava soldi a commercianti e imprenditori con tassi che arrivavano fino al 120%. Dopo la denuncia di una delle vittime, ormai ridotto alla fame, i carabinieri hanno ricostruito la fitta rete messa in piedi dagli usurai e nell'ambito dell'operazione "Barracuda" hanno arrestato nove parmigiani. Di questi solo due sono agli arresti domiciliari. Quindici, per ora le vittime accertate, ma secondo gli inquirenti potrebbero essere molte di più. Il giro d'affari era milionario. Ieri sono stati sequestrati beni per 300mila euro, tra cui un appartamento e quattro auto. I carabinieri lanciano un appello a coloro che sono state vittime del gruppo di usurai a farsi aventi e denunciare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento