Strumenti di protezione e tutela dei crediti al centro del convegno nazionale dell'Odcec

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Gli strumenti di protezione e la tutela dei crediti come chiave per prevenire la crisi. Se ne parlerà al convegno nazionale di studi sui risanamenti aziendali, giunto alla sua quarta edizione, organizzato dall'ODCEC e dalla Fondazione dei Dottori Commercialisti di Parma, dal titolo "Prevenzione della crisi, strumenti di protezione e tutela dei crediti". L'appuntamento, in programma venerdì 13 marzo dalle 9 alle 18,30 presso la sala Ipogea dell'auditorium Paganini, conferma la sensibilità e l'impegno dell'ODCEC di Parma nella ricerca e nella divulgazione dei temi legati al risanamento d'impresa.

Al centro degli interventi il ruolo dei "professionisti d'impresa" e i nuovi strumenti in loro possesso per diventare elemento determinante nella gestione dei processi di risanamento delle imprese in crisi in un'ottica di continuità aziendale. La giornata di studi sarà composta di due sessioni di lavoro: la prima dedicata al ruolo e alla responsabilità degli organi sociali nella crisi d'impresa e alla disciplina dei crediti prededucibili. Durante la seconda parte dell'incontro verranno approfondite le tematiche relative alle attestazioni problematiche per le imprese e le modalità alternative di soddisfacimento dei creditori.

Il convegno, che ha già raccolto l'adesione di oltre 300 professionisti provenienti da tutta Italia, è stato organizzato con la direzione scientifica di Massimo Fabiani e di Alberto Guiotto e vede come relatori alcuni tra i massimi esperti in tema di crisi d'impresa. Tra questi, oltre agli stessi coordinatori, docenti universitari del calibro di Danilo Galletti, Giovanni Domenichini e Sido Bonfatti e il presidente del tribunale fallimentare di Monza, Alida Paluchowski.

"E' indubitabile che le istituzioni e lo stesso legislatore rivolgano grande attenzione alla crisi d'impresa, con particolare attenzione alla prosecuzione dell'attività aziendale anziché alla sua cessazione - dichiara Alberto Guiotto, Presidente della Commissione nazionale di studio sulla crisi d'impresa e presidente del Comitato scientifico della Fondazione dei dottori commercialisti di Parma - e non vi è dubbio che, tra i professionisti chiamati ad occuparsene i dottori commercialisti svolgano un ruolo delicato e preminente. Questo convegno, fortemente voluto dall'Ordine di Parma, vuole contribuire a diffondere le esperienze e le competenze dei migliori esperti italiani per consentire agli specialisti della crisi d'impresa di affrontare situazioni complesse e spesso drammatiche con efficacia e professionalità, al fine di agevolare il risanamento e il rilancio delle imprese oggi in difficoltà".

ORE 8.45 Saluti introduttivi

Angelo Anedda - Presidente dell'ODCEC di Parma

Maria Rachele Vigani - Consigliere delegato alle procedure concorsuali del CNDCEC

ORE 9.00-13.00

modera: Angelo Castagnola - professore ordinario di diritto fallimentare, Università degli studi di Milano

· Il virtuoso comportamento degli amministratori nella fase crepuscolare dell'impresa - Giovanni Domenichini - professore ordinario di diritto commerciale, Università di Genova

· Il ruolo e le responsabilità dell'organo di controllo all'approssimarsi della crisi - Danilo Galletti - professore ordinario di diritto commerciale, Università di Trento

· Le azioni di responsabilità nel concordato preventivo e nelle altre forme di composizione concordata della crisi - Massimo Fabiani - professore ordinario di diritto fallimentare, Università del Molise

· Limiti della prededucibilità nelle procedure concorsuali e impatto sulla eseguibilità del piano di regolazione della crisi - Alida Paluchowski - presidente della sezione fallimentare del Tribunale di Monza

ORE 14.30-18.30

modera: Alberto Maffei Alberti - già professore ordinario di diritto commerciale, Università di Bologna

LE ATTESTAZIONI PROBLEMATICHE:

· Le attestazioni in continuità d'impresa - Alberto Guiotto - dottore commercialista in Parma - presidente Commissione Crisi d'Impresa CNDCEC

· Le attestazioni speciali - Alberto Tron - dottore commercialista in Roma

· Le perizie ex art. 160, secondo comma, l.f. - Riccardo Ranalli - dottore commercialista in Torino

MODALITA' ALTERNATIVE DI SODDISFACIMENTO DEI CREDITORI:

· Gli strumenti finanziari partecipativi - Gianluca Guerrieri - professore associato di diritto commerciale, Università di Bologna

· La "datio in solutum" e l'accollo liberatorio - Sido Bonfatti - professore ordinario di diritto commerciale, Università di Modena e Reggio Emilia

Torna su
ParmaToday è in caricamento