Studente 15enne prende a testate il professore e gli rompe il naso

E' successo venerdì mattina all'interno di un istituto scolastico della città: l'insegnante è stato trasportato all'ospedale ed ha 15 giorni di prognosi

Un grave episodio di violenza si è verificato nei giorni scorsi all'interno di un istituto scolastico della città. Un giovane studente minorenne ha aggredito il suo professore, poco dopo che era stato fatto uscire dalla classe poichè aveva iniziato a provocare l'insegnante e a disturbare. L'episodio si è verificato venerdì mattina durante le lezioni: il professore si sarebbe avvicinato al ragazzo di 15 anni per comunicargli che avrebbe dovuto frequentare un corso. Oltre a questo il giovane, in passato, aveva già avuto alcuni problemi con i professori. Il 15enne si è innervosito e, quando ha iniziato a provocare lo stesso professore, è stato fatto uscire dalla classe. A quel punto prima ha minacciato l'educatore e poi gli ha sferrato una testata, provocandoli la rottura del naso. Sul posto sono arrivati gli operatori del 118 che hanno trasportato l'insegnante al Pronto Soccorso dell'Ospedale Maggiore di Parma. I medici hanno stabilito 15 giorni di prognosi per il professore. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

Torna su
ParmaToday è in caricamento