Reagisce al tentativo di stupro in viale Osacca e fa scappare il suo aggressore

Una giovane donna ha denunciato la violenza sessuale, avvenuta alle 21 del 5 luglio: la mattina dopo ha fotografato e denunciato il suo aggressore

Nella serata di ieri, 5 luglio, un uomo ha tentato di stuprare una donna nella zona di viale Piacenza. La ragazza, che ha denunciato l'episodio alle forze dell'ordine, ha ricostruito la vicenda davanti agli inquirenti: fortunatamente è riuscita a sottrarsi alle violenze dell'uomo. Durante la mattinata di oggi, 6 luglio, la vittima ha riconosciuto l'uomo che ha tentato la violenza sessuale, l'ha fotografato e ha passato le foto agli inquirenti, che ora lo stanno cercando. La donna, una giovane mamma, ha denunciato di aver incontrato un giovane in bicicletta mentre si trovava in viale Osacca: quell'uomo le avrebbe messo le mani addosso, palpandola con decisione ai glutei. La ragazza è riuscita a sottrarsi alla violenza del suo aggressore e si è allontanata. PoI, con determinazione, ha deciso di seguirlo per vedere chi fosse per denunciarlo. Quella sera la giovane stava andando dai suoceri in viale Piacenza: una volta arrivata a casa lei ed il suocero hanno fatto un giro in zona. La mattina del giorno la ragazza ha visto il suo aggressore, l'ha fotografato ed ha girato l'immagine ai poliziotti. Ora gli inquirenti lo stanno cercando. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate per cambiare contratti luce e gas: Federconsumatori mette in guardia gli utenti

  • Bomba d'acqua a Parma: allagamenti e disagi alla circolazione stradale

  • Paura a Mamiano, auto finisce nel canale e si schianta contro un muretto: gravissimo bimbo di 9 anni

  • Fatture false, società fantasma e fondi di denaro 'occulti' per evadere il fisco, tre arresti: sequestrati immobili di lusso

  • Incidente in tangenziale, è giallo: bici accartocciata e tracce di sangue ma il ferito non si trova

  • Assicuratore-pusher 37enne gestiva un traffico di marijuana e hashish in Università: quattro arresti

Torna su
ParmaToday è in caricamento