Presunto stupro di gruppo in via Testi: due indagati agli arresti domiciliari

Per due giovani, un 24enne e un 29enne, nei giorni scorsi sono scattati gli arresti domiciliari mentre per il terzo indagato che aveva presentato ricorso alla Corte di Cassazione la stessa ha valutato di non applicare il provvedimento restrittivo

Sentenza della Corte di Cassazione relativamente alla posizione di due degli indagati per il presunto stupro di gruppo che si sarebbe svolto in una stanza della struttura di via Testi, dove all'epoca dei fatti aveva sede un gruppo antifascista parmigiano. Per due persone, un 24enne e un 29enne nei giorni scorsi sono scattati gli arresti domiciliari mentre per il terzo indagato che aveva presentato ricorso alla Corte di Cassazione la stessa ha valutato di non applicare il provvedimento restrittivo. La sentenza della Suprema Corte è arrivata poichè i tre avevano presentato ricorso contro la decisione del Tribunale del Riesame che aveva decretato gli arresti domiciliari per i tre ragazzi, in attesa del processo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Precipita da una ferrata: durante un'escursione: muore 33enne parmigiano

Torna su
ParmaToday è in caricamento