menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Il supermercato di via d'Azeglio ha chiuso: gli operai stanno svuotando i locali"

Il consigliere Giuseppe Pellacini: "Chi mi accusava di terrorismo, il Sindaco Pizzarotti in Consiglio comunale, ora deve rimangiarsi le sue parole"

"Non avremmo voluto trovarci qui, oggi - scrive il consigliere Giuseppe Pellacini - ma quanto si temeva, purtroppo, sta succedendo. Le serrande del supermercato come vedete sono abbassate e gli operai stanno svuotando i locali di tutto quel che resta. Il supermercato, non esiste più. Chi mi accusava di terrorismo, il Sindaco Pizzarotti in Consiglio comunale, ora deve rimangiarsi le sue parole. Il supermercato è chiuso. Un quartiere ha perso il suo punto di riferimento e venti persone non sanno cosa sarà della loro vita lavorativa, il loro futuro è incerto. 

Devo assolutamente ringraziare tutti coloro che hanno firmato la petizione e coloro che si sono adoperati per raccogliere le firme. Consegneremo al più presto, subito dopo le feste, al Prefetto, al Questore e al Sindaco ovvero coloro che possono intervenire perché non si apra una sala giochi, perché queste persone non perdano il lavoro e perché si faccia di tutto per avere un supermercato in via D’Azeglio. 
Ci siamo ritrovati qui infatti per far vedere al Sindaco, che su questa vicenda non ha voluto dire nulla mentre è sempre pronto a rispondere ai suoi problemi di partito, quel che è successo. Ci siamo trovati qui per dire alla città e alle autorità che 1355 persone si sono espresse nella petizione perché il supermercato non chiuda e non si apra una sala giochi. Da questo momento in poi sarà loro compito intervenire e attivarsi perché si valuti con attenzione ogni possibilità.

pellacini-4

L’Oltretorrente è un quartiere che soffre da troppo tempo di troppi problemi. Il silenzio del Comune credo sia il più grave di tutti questi perché senza l’intervento di chi deve, per legge, avere la competenza su sicurezza, ordine pubblico, salute e sull’ordine sociale allora nulla è possibile. Il rischio è il far-west, che si cada nei tentativi di giustizia personale ovvero nelle pesanti ricadute sociali che si rischiano da qui in poi.

Il Comune ha mancato nel dare una risposta chiara, se avesse detto chiaramente che qui una sala giochi non era gradita si sarebbero scongiurati mille problemi. Ancor prima dell’eventuale emissione di un’ordinanza ad hoc gli eventuali gestori di una sala giochi sarebbero stati scoraggiati. Chi investirebbe ingenti quantità di denaro se sa che il Comune è pronto a dar battaglia? Invece il Comune ha preferito lasciare la porta aperta, non dice nulla per non assumersi le responsabilità del caso quando invece è assolutamente necessario fare qualcosa o si rischia il degrado, l’abbandono.  Ovvio che il Comune non può turbare la trattativa commerciale fra i proprietari dei muri e gli eventuali gestori delle attività che si insedieranno qui ma un segnale forte e chiaro era utile e necessario.

Cosa possiamo fare ora? Credo che avere portato il caso in Consiglio comunale e poi all’attenzione pubblica sia stato necessario, un atto dovuto nei confronti della città. Altrimenti oggi avremmo trovato le serrande abbassate senza nulla, nemmeno un cartello, senza sapere i motivi per cui si arriva a tanto e soprattutto nessuno saprebbe cosa sta succedendo a venti persone, il loro destino sarebbe credo ancora più oscuro di quanto non lo sia già ora. Porteremo le firme e il caso alle autorità e farò sentire la voce di 1355 persone, di un quartiere e di una città che è stanca di non essere ascoltata".

".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Al Family Food Fight trionfa Parma con i Dall'Argine

Attualità

Festa di Liberazione: ecco il programma del 25 aprile a Parma

Attualità

Vaccino Moderna: Sda consegna oggi altre 21.600 dosi

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid, 76 nuovi casi e 3 morti

  • Cronaca

    Covid: a Parma e provincia riaprirà un ristorante su due

  • Cronaca

    Vaccino: al via le prenotazioni per i genitori dei minori disabili

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento