menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Marcella Saccani e Giuseppe Romanini

Marcella Saccani e Giuseppe Romanini

Tagli ai docenti di sostegno: il grido d’allarme della Provincia

Lettera al presidente della Repubblica e al Governo. Tra i destinatari anche la Regione e gli Uffici scolastici regionale e provinciale. Sono 57 gli insegnanti in meno per 1200 alunni con disabilità

Meno 57. È il taglio di docenti di sostegno che la Finanziaria prefigura per il Parmense. Un taglio preoccupante, oggetto di una lettera che gli assessori provinciali Marcella Saccani e Giuseppe Romanini hanno inviato al presidente della Repubblica Napolitano, al presidente del Consiglio Berlusconi e al ministro dell’Istruzione Gelmini, oltre che all’assessore regionale alla Scuola e agli Uffici scolastici regionale e provinciale. Le cifre di cui si è a conoscenza parlano di una netta disparità tra la richiesta formulata al Ministero dall’Ufficio scolastico provinciale di Parma (630 insegnanti di sostegno) e gli arrivi effettivi (573): 57 persone in meno, per coprire gli oltre 1.200 alunni con disabilità delle scuole del nostro territorio.

“Il nostro gesto vuole essere un grido d’allarme e nello stesso tempo manifestare la volontà ferma della Provincia di fare arrivare la nostra voce nelle sedi istituzionali preposte, perché il tema è delicatissimo e irrinunciabile. 57 insegnanti di sostegno in meno vuol dire che più di 100 ragazzi potrebbero veder messo in discussione un diritto fondamentale”, ha detto l’assessore provinciale alle Politiche sociali Marcella Saccani in una conferenza stampa convocata oggi in piazza della Pace. “Parma – ha aggiunto - ha costruito l’ossatura di un sistema gestionale, qui i ragazzi disabili sono stati inseriti nelle scuole quando ancora nessuna legge lo prevedeva. Vogliamo continuare su questa strada. Per questo chiediamo che i numeri vengano rivisti”.

“Questa iniziativa dice che il territorio non vuole essere rinunciatario. Tutto quello che può essere messo in campo lo mettiamo, non rinunciamo a svolgere il nostro ruolo di amministratori, però siamo consapevoli che i rimedi in sede locale non bastano”, ha spiegato l’assessore alle politiche scolastiche Giuseppe Romanini, ricordando gli oltre 5 milioni di euro di progettazione complessiva investiti dalle amministrazioni locali per gli studenti con disabilità. “C’è bisogno di una presa di coscienza più ampia – ha continuato - per chiedere con forza che l’indirizzo che è stato preso sia cambiato nella sostanza: si tratta di sottolineare un diritto e di chiedere che questo sia effettivo. Dall’anno scorso a quest’anno il numero di alunni con disabilità certificati è passato da 1.170 a 1.237, con un incremento che è principalmente nella scuola secondaria: c’è insomma un incremento di bisogno e un calo di risorse, la situazione è preoccupante. Occorre che lo stato non tiri i remi in barca, affinché si possano mantenere i livelli di integrazione che ci sono propri”.

La manovra correttiva 2011 – 2014 dedica il comma 11 dell’art. 19 al sostegno agli alunni con disabilità. Dapprima vi si dice che è possibile istituire, per gli insegnanti di sostegno, posti in deroga allorché si renda necessario per assicurare la piena tutela dell’integrazione scolastica. Poi però vi si stabilisce che l’organico di sostegno è assegnato complessivamente alla scuola o a reti di scuole in ragione della media di un docente ogni due alunni disabili.

Questo per il Parmense comporta tagli sicuri e preoccupanti rispetto alle effettive necessità. L’arbitraria riduzione del numero degli insegnanti di sostegno, che non rispetta nemmeno il numero minimo previsto di un docente ogni due studenti, fa venire meno risorse considerate essenziali allo sviluppo del progetto educativo personalizzato e rischia di annullare anche gli sforzi che, insieme con le famiglie, altri soggetti (le scuole, gli enti locali, l’ausl, le associazioni) hanno messo in atto, in un sistema di collaborazione partecipato di sicura efficacia. Saccani e Romanini fanno appello a un’interpretazione della legge di manovra che metta al primo posto l’esigenza di avere a disposizione un numero di posti necessario ad assicurare la piena tutela della integrazione scolastica, per realizzare il diritto costituzionale all’istruzione e all’uguaglianza tra cittadini.

La lettera inviata dalla Provincia è stata inoltrata anche ai Comuni del territorio e alle associazioni di disabili, affinché anch’essi prendano analoghe iniziative. Le prime adesioni sono già arrivate. Hanno già aderito i Comuni di Medesano, Collecchio, Sala Baganza, Felino, Fornovo, Berceto, Borgotaro, Varano, Terenzo, Bedonia, Langhirano, Noceto, Sorbolo, Colorno, Calestano, Parma. Tra le associazioni Ens, Unione italiana ciechi, Anmic, Movimento apostolico ciechi, Fondazione Tommasini, Anffas, Face, Special Olimpics.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Ponte della Navetta, Alinovi al Ministero: “Aprirlo entro Pasqua”

  • Attualità

    Aree verdi: 250 mila euro per i nuovi giochi bimbi

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento