Tangenti in Comune, esplode la protesta in piazza dei cittadini

Dopo gli arresti di stamattina, tra cui l'assessore Giovanni Bernini e il suo braccio destro Signorini, per corruzione e tentata concussione, circa 400 persone si sono radunate spontaneamente in piazza Garibaldi per chiedere nuovamente le dimissioni della giunta

La manifestazione di oggi sotto i Portici del Grano

Prima gli arresti e poi la protesta di piazza. La scena si ripete. Come dopo gli undici arresti dell'operazione Green Money che avevano portato in carcere funzionari comunali e uomini molto vicino al sindaco Vignali oggi, dopo l'arresto di stamattina dell'assessore alle politiche per l'infanzia Giovanni Paolo Bernini, il suo braccio destro e due imprenditori per corruzione e tentata concussione, la gente è scesa spontanemente in strada, sotto ai Portici del Grano e in Piazza Garibaldi, per chiedere le dimissioni della giunta indignati dalla nuova indagine Easy Money e dall'arresto di un uomo chiave della giunta Vignali.

Dalle 18 circa 400 persone hanno preso parte alla rumorosa protesta convocata da 'La Piazza': le pentole, i cartelli, gli striscioni sono quelli degli ultimi appuntamenti, l'atmosfera no. Oggi si sente più rabbia e più voglia di farsi sentire dagli altri cittadini. Nei pressi del Comune lo schieramento di polizia, carabinieri e vigili urbani è presente già dalle 15: con il passare del tempo alcune persone si accumulano in piazza, fanno capannelli, si confrontano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO 1 - VE NE ANDATE O NO?
VIDEO 2 - PARMA LIBERA
VIDEO 3 - BELLA CIAO

Verso le 18.30 la protesta esplode: i manifestanti scandiscono slogan, lanciano ripetutamente monetine al grido di "Ladri ladri prendete anche questi!", alcune persone cercano di avanzare in direzione dell'entrata del Comune ma vengono fermati dalla Digos. I poliziotti si mettono casco, scudo e prendono il manganello ma non succede niente. Attimi di tensione ma nulla di più.

Non si ripetono le scene delle proteste successive ai primi arresti con scontri e cariche di carabinieri e polizia. Qualcuno mette uno striscione con scritto "Rubare l'arte dei falliti" sulla cancellata che chiude l'ingresso in Comune. La manifestazione si è conclusa verso le 20.15 quando molti cittadini hanno cominciato a lasciare la piazza. L'appuntamento è per la protesta prevista per giovedì sempre sotto i Portici del Grano.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento