menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Integrazione scolastica, sentenza del Tar: presidio dei sindacati in piazza Santafiora

Le segreterie dei sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno convocato la protesta "per denunciare il rischio di vero e proprio degrado dei servizi sociali di cui questa sentenza rappresenta un potenziale rovinoso precedente"

Un presidio e una conferenza stampa davanti al Tar di Piazza Santafiora per protestare contro la recente sentenza del Tribunale Amministrativo rispetto ai servizi di integrazione scolastica del Comune di Parma. Le segreterie dei sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno convocato la protesta "per denunciare il rischio di vero e proprio degrado dei servizi sociali di cui questa sentenza rappresenta un potenziale rovinoso precedente".

LA NOTA DEI SINDACATI - "Le segreterie confederali regionali e territoriali di Cgil, Cisl e Uil, insieme ai rispettivi sindacati di categoria del pubblico impiego, denunciano il rischio di un degrado progressivo dei servizi alla persona e del welfare locale. Una deriva che purtroppo negli ultimi tempi ha evidenziato, nel nostro territorio, tutta la sua drammaticità in alcuni casi saliti ai dubbi onori della cronaca con le inchieste relative ai maltrattamenti nei confronti di anziani ricoverati in case di riposo.
 
Tale rischio appare purtroppo ulteriormente aggravato da sentenze come quella recentemente pronunciata dal Tar-sezione di Parma in materia di integrazione scolastica degli alunni disabili. Cgil, Cil e Uil regionali, provinciali e di categoria ritengono che un servizio tanto strategico e delicato, gestito sulla base di una gara pubblica, possa funzionare solo su una logica di regole condivise e di rispetto verso i diritti dei lavoratori che vi operano, a partire da quelli economici sanciti dai contratti".
 

 


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento