menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Movida, il Tar sospende l'ordinanza comunale: no a orari ridotti

Dopo il ricorso del Tonic, il tribunale ha ritenuto l'ordinanza "eccessivamente restrittiva" e ha deciso che non ci sarà l'obbligo per i locali di via Farini di chiudere anticipatamente

“La contestata ordinanza rivolgendosi indistintamente all’intera platea degli esercizi presenti in zona, ad un primo sommario esame, sembrerebbe essere eccessivamente restrittiva in relazione alle finalità enunciate, in special modo in ragione della mancata previsione della possibilità di deroghe in presenza di condizioni di esercizio o di specifici requisiti strutturali idonei di per sé a limitare le criticità rilevate”.

Con questa motivazione il Tar ha sospeso l'ordinanza comunale del 15 dicembre scorso che imponeva orari di chiusura ai locali di via Farini. Il Tonic è stato il primo a rivolgersi al Tar impugnando l'ordinanza comunale per i danni economici arrecati dopo gli investimenti per insonorizzare le pareti del locale. Poi si sono accodati anche il Peter Pan, Le Malve e la Rummeria che attendono l'esito del proprio ricorso il 21 marzo prossimo.

Le limitazioni agli orari di apertura sono sospese fino al 10 ottobre, data in cui il tribunale amministrativo si pronuncerà definitivamente sulla questione. Non ci sarà più l'obbligo di chiudere entro l'una di notte il venerdì e il sabato ed entro mezzanotte gli altri giorni.

IL COMMENTO DI CONFESERCENTI

L'ORDINANZA ANTI-MOVIDA DI CICLOSI

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento